CONDIVIDI

Sette minuti per raccontare, film dopo film, la carriera di Tom Hanks, uno degli attori più versatili di Hollywood. Lo ha fatto in un modo molto divertente lo stesso Tom Hanks in compagnia di James Corden, conduttore del talk show inglese “The Late Late Show”. In sette minuti l’attore, aiutato dal presentatore, ha reinterpretato ogni ruolo impersonato nella sua carriera per un video memorabile.

La performance non poteva che iniziare dal più celebre tra i film di Tom Hanks, “Forrest Gump” grazie al quale ha vinto tutti i riconoscimenti più importanti, dall’Oscar al Golden Globe e svariati premi di critica. A seguire i primi film dell’attore: “Big” (1988), “Bachelor Party – Addio al celibato” (1984), “Casa, dolce casa?” (1986), “L’erba del vicino” (1989), “Turner & Hooch” (1989) fino al capolavoro di Sam Mendes “Era mio padre” (2002).

Si susseguono film di successo come “Joe contro il vulcano” (1990) in cui lavorava per la prima volta con Meg Ryan, poi ancora con la stessa attrice in “Insonnia d’amore” (1993), il capolavoro “Salvate il soldato Ryan” (1998) fino all’ultimo del 2013 “Captain Phillips – Attacco in mare aperto”. Non mancano neppure il meraviglioso “The Terminal” (2004), il divertente “Ragazze Vincenti” (1992) e il ritorno con Meg Ryan nel 1998 in “C’è posta per te”.

Ancora “Music Graffiti” (1996), la sua voce in “The Polar Express” (2004), “Prova a prendermi” (2002), il recente “Cloud Atlas” (2012) con Halle Berry, il celebre “Il Miglio Verde” (1999), “L’amore all’improvviso” (2011) con Julia Roberts, ma anche l’eccezionale “Cast Away” (2001). A chiudere “Philadelphia” (1993), “Il Codice Da Vinci” (2006) tratto dal celebre romanzo di Dan Brown, la storia di Walt Disney “Saving Mr.Banks” (2013), “Splash” (1984), “Apollo 13” (1995) e infine a chiudere il fantastico “Toy Story” (1995) per il quale Tom Hanks ha prestato la voce al pupazzo Woody.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 4 =