CONDIVIDI

Matt Davis non è riuscito a trattenere la commozione. La sua presenza alla convention di The Vampire Diaries di Roma è dovuta al fatto che il suo personaggio negli ultimi episodi della quinta stagione è tornato in vita e comparirà di nuovo stabilmente nella sesta dopo tre anni di assenza, se si escludono sporadiche comparse. L’attore è parso sorridente e molto elegante di fronte alle fans che lo hanno ripagato con un affetto che neanche lui stesso si sarebbe aspettato.

Matt ha risposto a coloro che gli chiedevano cosa gli fosse mancato di più della serie in questi anni e con quale collega si relazioni meglio: “Ho sentito molto la mancanza del cast, della crew, di tutti perché sono come una famiglia. Vado d’accordo con tutti, in particolar modo con Michael Malarkey. Non so se avrei voluto tornare da umano o da vampiro, ma ormai lo siamo tutti. Delle mie colleghe adoro lavorare con Sara, ma anche con Nina nonostante avvolte sia così decisa da far paura”.

L’attore ha poi rilasciato alcune anticipazioni sulle sue sensazioni in vista dell’attesissima sesta stagione: “Ho l’impressione che Alaric farà qualsiasi cosa per far tornare indietro Damon. Lui starà vicino a Elena? Alaric è morto così tante volte non credo ci sia nulla di definitivo per Damon. Starà vicino ad Elena e le farà capire che ci potrà essere qualcosa dopo tutto quello che è successo”.

L’Italia ha conquistato subito il professore di storia che ha usato parole d’amore: “Dieci anni fa sono stato a Venezia, ma questa è la mia prima volta a Roma ed è molto affascinante per la sua storia. L’architettura e la storia antica mi affascina e vorrei viaggiare nel tempo per conoscerla meglio. Quando ho iniziato ero un grande fan di James Dean. Continuo ad ispirarmi anche ad attori come Joaquin Phoenix che è straordinario. I migliori però secondo me sono coloro che hanno qualcosa di italiano nel nome come Leonardo Di Caprio e Robert De Niro”.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here