CONDIVIDI

È lei la vera diva di Temptation Island. La bionda 21enne tiene banco da due settimane, ma questa terza puntata lo conferma in pieno, facendo infuriare e soffrire Gianmarco nel villaggio dei single e lasciandosi corteggiare a più non posso dal single Giorgio.

La “dolce buonanotte” che Giorgio regala a Aurora, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso già per altro stra colmo da due settimane. Ma anche il bacio che si sono dati a telecamere e microfoni spenti. Aurora è pronta a negare davanti a tutti mentre Giorgio insiste nel dire quella che secondo lui è la verità.

Ma ad un certo punto Aurora si apre con le altre fidanzate e racconta la sua storia. Racconta di essere stata adottata: una prima volta a 3 anni per essere poi riportata in orfanotrofio dopo una settimana e dopo essere stata definita “ingrata”. Il suo lato più vero è venuto fuori con altre le donne e non con il bel corteggiatore Giorgio: vorrà dire qualcosa?

L’atmosfera romanica però Giorgio è pronto a ricrearla in un’esterna che lascia pochi dubbi a quanto si sta verificando…e scatta il bacio di fronte alle telecamere. Dopo i video che Gianmarco ha dovuto sopportare, è arrivato il momento del primo confronto e le scintille ci sono state, altro che fuocherello romantico.

Prima del confronto, Aurora vede tutta l’esperienza fatta da Gianmarco. Il suo commento? “Non mi è sembrato lui“.Insomma secondo lei Gianmarco sarebbe stato esagerato nelle sue reazioni. Nel confronto Gianmarco è stato piuttosto pacato mentre Aurora sembra voler fare di tutto per attizzare la discussione, cerca di provocare e pare quasi riuscirci. Aurora alla fine confessa che il suo non era amore verso Gianmarco: “La mia felicità non sei tu“. Poi Filippo fa la domanda e la risposta era inevitabile: la coppia abbandona il programma Temptation Island. Non hanno retto al gioco della tentazione. Entrambi escono da questa situazione come single? Non proprio visto che Aurora esce mano nella mano con Giorgio…

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here