CONDIVIDI

E se le vendite non premiano? Si guarda all’estero. É quello che potrebbe accadere alla vincitrice di The Voice of Italy, Suor Cristina Scuccia. I telespettatori hanno premiato la suora siciliana battendo a suon di televoti il finalista Giacomo Voli ma certamente non la premiano nella vendita del suo singolo, Lungo la Riva, presentato durante la finale.

Tante sono le infruttuose polemiche derivate dalla vittoria della suora. Derivata forse dal velo che indossa? É brava, ha grinta ma le girano intorno tante polemiche sul web. E le polemiche hanno ragion d’essere se si pensa che il singolo della suora è agli ultimi posti della classifica di Itunes.

La vincitrice di The Voice è legata con un contratto discografico alla Universal Italia, quindi un lavoro discografico è previsto. Se le vendite però non sono buone in Italia forse la soluzione è esportare all’estero la voce della religiosa canterina. Per ora niente di certo, infatti Graziano Ostuni, direttore divisione Local di Universal Italia, dichiara: «Suor Cristina ha un contratto di esclusiva con Universal Italia. In questi mesi c’è stato un interessamento internazionale da parte dei colleghi di diversi Paesi, ma è ancora presto per parlare di un progetto di cover in inglese o di altro. Anche perché, per rispetto verso suor Cristina, vogliamo prima confrontarci con lei».

La soluzione al buco nell’acqua fatto con il singolo di Suor Cristina forse è davvero un album registrato in lingua straniera. Sembra, infatti, che l’attenzione della casa discografica straniera sia partita dall’esibizione della suora nella blind audition che commosse J-Ax. Quel video è diventato virale sul web tanto che su Youtube nel giro di pochi giorni ha raggiunto il traguardo di 13 milioni di views.

Se durante il talent show la religiosa ha avuto un enorme successo, tra conferme da parte dei quattro giudici e soprattutto da parte del pubblico, non si spiega come a programma finito possa aver perso tutto il successo assunto negli ultimi due mesi trascorsi a The Voice.

Non resta che attendere che il progetto discografico vada in porto e le successive vendite per poter dire se Suor Cristina potrà diventare un’icona pop nel panorama musicale italiano.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here