CONDIVIDI

Torna su Canale 5, al consueto appuntamento del mercoledì, 16 dicembre 2015, Senza Identità 2. La scorsa puntata si era chiusa con l’attentato ai danni di Francisco che avrà delle conseguenze pesanti che vedremo proprio in questo quinto episodio della fiction spagnola.

Credendolo il responsabile dei ricatti telefonici, Enrique ha dato ordine al suo braccio destro Alex di eliminare ad ogni costo l’ex cognato. Lo scoppio della bomba ucciderà sul colpo Bianca, morta proteggendo sua figlia col proprio corpo. Per la piccola Maria e Francisco c’è ancora una flebile speranza quando arrivano al pronto soccorso. Mentre tutti si interrogano sulla natura dell’attentato, la famiglia Vergel è riunita compatta davanti alla terapia intensiva in attesa degli eventi, con Maria sostenuta da sua sorella Amparo. Purtroppo Francisco muore tra le braccia di Maria. La ragazza distrutta dal dolore e dal senso di colpa scappa di casa rifugiandosi da Pablo che le rivela una verità scioccante: in un video recuperato dal cellulare di un ragazzo si vede chiaramente che Alex era presente sul luogo dell’esplosione. Accecata dalla rabbia Maria raggiunge la villa di suo zio determinata ad ucciderlo. L’assenza di Enrique glielo impedirà. Ma l’appuntamento è soltanto rimandato.

Senza Identità 2, anticipazioni quinta puntata 16 dicembre

Credendolo il responsabile dei ricatti telefonici, Enrique ha dato ordine al suo braccio destro Alex di eliminare ad ogni costo l’ex cognato. Lo scoppio della bomba ucciderà sul colpo Bianca, morta proteggendo sua figlia col proprio corpo. Per la piccola Maria e Francisco c’è ancora una flebile speranza quando arrivano al pronto soccorso. Mentre tutti si interrogano sulla natura dell’attentato, la famiglia Vergel è riunita compatta davanti alla terapia intensiva in attesa degli eventi, con Maria sostenuta da sua sorella Amparo. Purtroppo Francisco muore tra le braccia di Maria. La ragazza distrutta dal dolore e dal senso di colpa scappa di casa rifugiandosi da Pablo che le rivela una verità scioccante: in un video recuperato dal cellulare di un ragazzo si vede chiaramente che Alex era presente sul luogo dell’esplosione. Accecata dalla rabbia Maria raggiunge la villa di suo zio determinata ad ucciderlo. L’assenza di Enrique glielo impedirà. Ma l’appuntamento è soltanto rimandato.

Per affrontare il dolore e il senso di colpa, comunque, la donna si abbandonerà all’alcool e alle sostanze stupefacenti che la condurranno ad un gesto estremo. Ma l’intervento di Pablo riuscirà a fermare Maria e a riportarla sulla retta strada. Amparo, per proteggersi da Enrique, invece, filma una testimonianza giurata e la deposita da un notaio, chiedendo che venga resa pubblica nel caso dovesse succederle qualcosa. E, spaventata da quello che è successo a Francisco, tenta di fuggire in Messico col piccolo Quique.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 − uno =