CONDIVIDI

Sembrano non aver accettato molto bene le ex vallette di Sanremo, la recente dichiarazione di Gabriel Garko sul suo ruolo a Sanremo. “Sarò un co-conduttore, non si è mai parlato di supervalletto, non capisco perché giri questa voce”, aveva affermato nella conferenza stampa del festival canoro il bell’attore. Un’affermazione che ha suscitato subito diverse polemiche perchè lascia presupporre un significato molto poco piacevole per la parola “valletto”.

“Chi” ha raccolto lo sfogo di tante bellissime che hanno calcato il palco dell’Ariston che si sono sentite offese dalla frase di Garko. Dalla Ferilli che ha dichiarato: “«Sanremo è una vetrina, mica ti chiedono di recitare Shakespeare. Ci vogliono una certa ilarità e goliardia nell’affrontare il ruolo altrimenti hai perso in partenza. È un po’ come la storia dello spazzino che è diventato “operatore ecologico”: per me il nome o l’etichetta non sono importanti. Garko starà lì sul palco e Carlo gli dirà:” Bene Gabriel chi c’è adesso?” “C’è Arisa”. Fai quello e torni a casa, giusto che sia così”.

Più dura ancora Alba Parietti “Ho i miei dubbi che Carlo Conti abbia bisogno di un co-conduttore, considerando che Garko non sarebbe in grado. È come se mi mettessi a recitare con Giancarlo Giannini e dicessi: “Non sarò una comprimaria”. Il consiglio che dò a Gabriel è quello di parlare il meno possibile”.

Sarcastica anche la Canalis: “Ci sono fior fior di attrici che in passato, non per fare paragoni con Garko, non hanno avuto problemi a essere chiamate valletta o presenza femminile”.

Insomma le parole del bell’attore non sono proprio piaciute e in attesa di una risposta sembra che già le illustre colleghe abbiano stroncato in partenza l’idea.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × uno =