CONDIVIDI

Che Robert De Niro, fosse uno degli attori e registi maggiormente apprezzato nel panorama cinematografico italiano e internazionale, lo sapevamo tutti. Autore di numerosi film entrati nella storia, come: C’era una volta in America, Bronx, Quei bravi ragazzi, Voglia di ricominciare, The score e tantissimi altri, oggi torna a far parlare di sè, indirettamente, attraverso una biografia non autorizzata, che mette in evidenza i suoi lati più oscuri.
E’ infatti il regista Shawn Levy a parlare di lui all’interno di “A Life”.

All’interno di A Life , De Niro viene descritto, come un uomo dall’atteggiamento autoritario nei confronti delle donne che voleva sedurre e non solo, l’attore viene infatti accusato di essere un donnaiolo amante del sesso compulsivo, con il vizio della cocaina.
Secondo l’autore Shawn Levy, subito dopo il divorzio con Diahnne Abbott nel 1979, causato secondo Robert, da una forte pressione mediatica, l’attore si sarebbe concesso a tantissime donne, passando da una relazione all’ altra.

Negli anni ottanta varie voci, lo vedevano, prima, amante dell’attrice Bett Midler, e dopo, seduttore della cantante Helena Springs, per la quale, pur di ottenere un’uscita, l’avrebbe seguita con la sua auto in giro per Los Angeles. Una storia, quella con la cantante che si sarebbe conclusa addirittura, con la notizia di una dolce attesa, in cui l’attore sarebbe stato identificato come il padre. Notizia che sarebbe stata smentita dieci anni dopo, attraverso una perizia che avrebbe dimostrato il contrario.

Accanto alle diverse relazioni, avute anche in seguito con personalità importanti come: Uma Thurman, Witney Houston e Naomi Campbell, l’attore è stato accusato di aver fatto uso improprio di cocaina, alla base della quale si collocherebbe l’amicizia con il comico, John Beluschi, morto nel 1982 per una intossicazione, a seguito di una miscela tra cocaina e eroina. Alcune indiscrezioni dicono come in quella tragica occasione De Niro sarebbe immediatamente accorso al bungalow dell’amico, in quanto anche lui si sarebbe trovato li.

In A Life, si mischiano, vicende di vita privata e non che sembrano far emergere lati oscuri del divo hollywoodiano, dalla relazioni più o meno tormentate, all’uso, forse eccessivo di cocaina, alla probabilità di figli non riconosciuti. La decisione dell’attore di mantenere una certa privacy a riguardo, sembrerebbe quasi confermare e ammettere, tali lati della propria vita, con lo scopo di non svelare aspetti che possano averlo contraddistinto, in alcuni precisi momenti. Motivo per cui si spiegherebbe la non autorizzazione.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here