CONDIVIDI

Natalia Titova si trova costretta ad abbandonare la trasmissione “Ballando con le stelle”, la ragione è legata alla sua saluta, la malattia infatti le impedisce di continuare.

La ballerina russa, protagonista della ‘Cassettiera’ di ‘Vieni da me’, ha spiegato di non poter più continuare il suo lavoro e di trovarsi costretta a dedicarsi alle cure per una malattia che si fa sempre più grave:

“Questo problema al ginocchio non può sparire, può solo peggiorare. Per questo motivo ho smesso di ballare un po’ prima del previsto: sentivo che meglio di così non potevo fare e che da quel momento in poi sarebbe solo stato peggio. E’ come decidere di andare via un’ora prima piuttosto che dieci minuti dopo”.

“Sono nata con un problema al ginocchio, una osteomielite – racconta la ballerina – e i dottori mi avevano vietato qualsiasi tipo di sport. Da piccola ho rischiato di perdere la gamba e fino a 16 anni sono andata dal dottore due volte l’anno. Prima di entrare dal medico mia mamma si raccomandava di non dirgli che invece loro mi facevano fare sport. Ho fatto di tutto grazie a mio padre e a mia madre: ginnastica ritmica, pallavolo, nuoto, danza”.

Lasciare Ballando con le stelle è davvero duro per la Titova.

La ballerina eradavvero legata alla trasmissione, un successo raggiunto nonostante i suoi problemi.

“Mi è dispiaciuto, ma non volevo peggiorare davanti al pubblico italiano che mi guardava. Volevo finire quando stavo ancora al top e credo che tutti gli sportivi la pensino così. Sapevo che più di quello non avrei potuto dare. La decisione è stata veramente dura, ma ero consapevole che sarebbe stato meglio smettere in quel momento”.

Parole toccanti quelle di Natlia Titova che racconta così le ragioni del suo abbandono.

Nonostante il problema al ginocchio, la Titova è riuscita a portare avanti la sua passione il più possibile, coronando un sogno e mostrando come la determinazione possa far superare anche i problemi che sembrano insormontabili.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here