CONDIVIDI

Le sigle tv a volte riescono a fare talmente centro da diventare indimenticabili anche più dei cartoni animati che accompagnavano. Spesso criticate, molte volte snobbate, rappresentano piccole- grandi chicche, veri e propri tormentoni musicali resi indimenticabili dalle voci dei loro cantanti.

Come non ricordare Cristina D’Avena e la miriade di sigle che l’hanno resa famosa come una diva del pop? Da Kiss Me Licia a È quasi magia Johnny, canzoni la cui forza sta nella spensieratezza che riescono a comunicare in poche note. Perchè anche in questo caso si rischierà di sembrare nostalgici, ma almeno nella sfida delle sigle tv in Blog di Cultura hanno stravinto quelle “storiche”, con buona pace degli amanti dei bellissimi anime che oggi riempiono i canali televisivi.

Kiss Me Licia
“Un giorno di pioggia Andrea e Giuliano incontrano Licia per caso”, come dimenticare questa strofa?

Il mistero della pietra azzurra
Chi ricorda le avventure della piccola protagonista, un’acrobata del circo alle prese con misteri e avventure?

È quasi magia Johnny
“Orange Road”, questo il titolo originale, senza censure era un cartone molto differente da questo ma la sigla resta comunque un gioiello.

L’incantevole Creamy
Parimpampum! Chi l’aveva dimenticata?

I Cavalieri dello Zodiaco
La sigla più bella (tra le tante), “Pegasus Fantasy”

Mila e Shiro
I due indimenticabili cuori nella pallavolo

Ranma
Le bellissime avventure di Ranma alle prese con la trasformazione in donna

L’Uomo Tigre
L’eroe mascherato della lotta in una sigla dai toni dark

Ken il guerriero
Il discendente di Hokuto alle prese con uno scenario post apocalittico in una delle sigle più belle della storia della tv

Occhi di gatto
Per tornare su toni un po’ meno seri, le tre bellissime sorelle che si trasformavano in tre abilissime ladre

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here