CONDIVIDI
jo squillo rischia vita

Non si placano le polemiche nei confronti dell’Isola dei Famosi.

Questa volta è il caso di Jo Quillo a far parlare. La donna infatti avrebbe rischiato la morte a causa di un errore della produzione.

La rivelazione arriva da Fabrizio Corona che, sul suo Corona Magazine scrive:

Jo Squillo ha rischiato di morire all’Isola dei Famosi“.

L’infortunio che l’ha costretta ad abbandonare la trasmissione e che ancora oggi la tiene in stampelle, sarebbe un grave errore, come dice Corona: “un disastroso errore della produzione”.

“Tutto questo è partito da un suo semplice slogamento e seguito da un disastroso errore della produzione. Infatti dopo il problema alla caviglia la produzione ha tentato di aiutarla utilizzando dei medicinali. L’errore clamoroso è stato che le medicine erano troppo forti, cosa che sommatasi alla sua condizione di quasi digiuno, viste le razioni di cibo minime del programma, hanno provocato in lei un vero e proprio collasso”.

La produzione avrebbe quindi giocato con la vita della Squillo in modo irresponsabile, a rischio di ucciderla per le negligenze del team.

“La situazione era critica: Jo Squillo ha rischiato di perdere la vita per questo errore, ma per fortuna sembra essere stata salvata in tempo per evitare la tragedia. I medici hanno infatti provveduto a risolvere la sua situazione e adesso l’isolana non sembra essere più in pericolo di vita. Dopo tutta questa situazione ovviamente Jo non è potuta restare più sull’Isola ed è dovuta tornare a casa abbandonando definitivamente il programma. La cosa più importante è comunque che la sua situazione sembra essersi risolta e non vessi più in pericolo di vita, siamo contentissimi di questo per lei e continueremo ad aggiornarvi sulla questione mano a mano che ci saranno sviluppi, solo qui sul Corona Magazine“.

Parole forti quelle di Corona che gettano ancora fango sull’edizione dell’Isola più criticata di sempre.

Se la versione di Corona dovesse essere confermata, qualcuno di sicuro dovrà prendere dei provvedimenti e chiarire che cosa è successo di preciso.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here