CONDIVIDI

Dopo esservi abbuffati sulle tavole imbandite di ogni genere di delizia delle feste di Natale, potrete godervi un po’ di sano e meritato relax davanti alla TV la sera di Natale. Le reti televisive, infatti, hanno pensato bene di regalare qualche risata agli italiani, sfiancati dalle cene e dalla corsa ai regali, e domani, la sera di Natale, su Italia 1 trasmetteranno in prima serata Il Ciclone. Il film, uscito nel 1996, è stato record di incassi nelle sale nella stagione cinematografica 1996/1997, registrando 75 miliardi di lire (28 milioni di euro).

Il Ciclone ha come protagonista l’attore e comico fiorentino Leonardo Pieraccioni, che firma anche la sceneggiatura e la regia. Il film consacra Pieraccioni come uno degli attori comici italiani più apprezzati dal pubblico e dalla critica e Il Ciclone entra nella rosa dei film italiani che hanno incassato di più al botteghino. La commedia verrà superata solo l’anno dopo da La vita è bella, film del collega e compaesano Roberto Benigni. Insieme a Leonardo Pieraccioni, spicca nel film un altro interprete e amico del regista/attore, Massimo Ceccherini, che compare quasi in tutti i suoi altri film regalando performance indimenticabili.

hqdefault

Il Ciclone racconta le vicende di Levante Quarini, un giovane ragioniere che vive con la famiglia in un casolare di campagna in una località non identificata in Toscana. Levante è un insoddisfatto, non ha ambizioni e la sua vita è piatta come la campagna e le strade sterrate che percorre ogni giorni in motorino per recarsi da casa al paese e viceversa. Anche i suoi fratelli non sono più fortunati di lui: Libero (Massimo Ceccherini) passa le sue giornate ad arare i campi con il padre Osvaldo e dipingere quadri in cui si interroga sull’esistenza di Dio, mentre Selvaggia (Barbara Enrichi) vive una relazione lontano dalla luce del sole con la farmacista del paese.

L’unica grande certezza nella vita di Levante è il nonno Gino, a cui ha prestato la voce il grande regista Mario Monicelli, il cui aspetto rimane nascosto per tutto il film. La vita tranquilla del paese toscano viene completamente stravolta dall’arrivo di una compagnia di ballerine di Flamenco con il loro dirigente che, nono trovando posto all’agriturismo Arcobaleno, chiedono di essere ospitate nel casolare della famiglia di Levante. Come un ciclone, le ragazze spagnole spazzano via la monotonia e riportano un po’ di allegria che la famiglia Quarini aveva perso.

Il-ciclone-ballerine-1024x576

Levante si innamora di Caterina (Lorena Forteza), una delle ballerine di Flamenco, già impegnata in una relazione difficile e burrascosa da cui vorrebbe scappare. Per la compagnia di ballerine, però, arriva il momento di ripartire e si fermano in un hotel a Firenze dove, poco tempo più tardi, organizzano una cena per salutare gli amici che li hanno ospitati. Così, Levante e Caterina si rincontrano e, dopo la cena, passano la notte insieme e si baciano fino all’alba. Le pellicola termina con la risoluzione dei problemi di tutti i protagonisti, mentre Levante e Caterina vanno a vivere in una tenuta di campagna in Spagna ed hanno un figlio.

il-ciclone

Anche se nel film non viene mai citato il nome del paese o della zona toscana in cui si svolgono le vicende, la cascina dove vivono Levante e la sua famiglia si trova a Laterina, un piccolo paese nella campagna della provincia di Arezzo. Le scene di paese, invece, sono state girate nei comuni di Poppi e Stia, nella valle del Casentino, sempre in provincia di Arezzo.

Il Ciclone, oltre ad aver avuto un grandissimo successo al botteghino per la stagione 1996/1997, ha ottenuto diversi riconoscimenti e premi importanti, tra cui il Nastro d’argento nel 1997 per migliore attore protagonista a Leonardo Pieraccioni e migliore sceneggiatura all’attore fiorentino e Giovanni Veronesi. Inoltre, a Leonardo Pieraccioni sono stati conferiti il il Globo d’oro come miglior attore e il Ciak d’oro come miglior film e miglior regista.

01623109

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + 10 =