CONDIVIDI

Ci sono spoiler e spoiler. Questo che stiamo per rivelarvi è uno di quelli che non avremmo mai voluto scrivere. Perché quando un personaggio storico e così amato lascia la serie in un modo tragico, non è mai bello da raccontare. Ma quando segui le serie scritte da Shonda Rhimes sai che puoi aspettarti di tutto: bombe, incidenti aerei, annegamenti, autobus assassini, sparatorie e morti tragiche. La showrunner di Grey’s Anatomy è nota nell’ambiente, ci prova gusto ad ammazzare i suoi personaggi nel modo più atroce possibile, senza provare nemmeno un briciolo di pietà per quelle povere anime disperate che sono sedute dall’altra parte dello schermo.

Solo che non eravamo pronti. Non dopo il finale tutto rosa e fiori di Cristina. Non eravamo pronti a salutare McDreamy. Forse sì, era arrivato il momento, ma non così. Con una morte che ci riporta alla memoria quella mai digerita di George O’Malley, esce di scena, dopo 11 stagioni, Derek Shepherd, il personaggio interpretato da Patrick Dempsey.

“Derek Shepherd è e sarà sempre un personaggio incredibilmente importante – per Meredith, per me e per i fan. Mai avrei immaginato di dover dire addio al nostro McDreamy”. Parole della Rhimes rilasciate subito dopo la fine dell’episodio 21, che però sanno un po’ di presa in giro. “In Grey’s Anatomy, Patrick Dempsey ha interpretato Derek in una maniera che speravamo diventasse un esempio significativo – felice, triste, romantico, doloroso e sempre vero – di cosa le donne avrebbero dovuto chiedere a un amore moderno. La sua perdita sarà sentita da tutti noi.”

La notizia comunque era nell’aria già dall’inizio di questa stagione. I problemi con Meredith, Derek che parte e va a Washington. Il Dottor Stranamore mancava già da un po’ e in fondo ci eravamo quasi abituati alla sua assenza in sala operatoria. Lo scettro di neurochirurgia passato nelle mani della sorellina Amelia e una moglie che senza di lui riesce a battere il record di operazioni concluse con successo. Ma poi Shonda una mattina si sveglia e decide di farlo fuori. E non importa che lo fa regalandoci un’ultima puntata Derek-centrica. No, conta solo come va a finire, con un “Rest in Peace McDreamy” strozzato in gola, lacrime a fiumi e tanta voglia di prendere il telecomando e lanciarlo alla tv.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here