CONDIVIDI

La storia di Luigi e Peppe Tuccillo, i due fratelli napoletani concorrenti del Grande Fratello 14 attualmente in corso, è una delle più toccanti dell’edizione: Luigi, avvocato 38enne, e Peppe, fotografo 41enne, da quando hanno varcato la soglia della casa più spiata d’Italia, non si sono mai separati un attimo. Colpisce in particolare la storia di Peppe, affetto da sordità sin dalla tenerissima età, che durante la diretta di giovedì scorso ha provocato la commozione della conduttrice Alessia Marcuzzi e degli opinionisti Claudio Amendola e Cristiano Malgioglio.

A dirci qualcosa in più di Luigi e Peppe è stato il loro papà, Enrico Tuccillo. Padre di nove figli nonché rinomato avvocato classe 1942, Tuccillo senior ha preso parte a celebri processi (Pasolini e I racconti di Canterbuy, Siani, il Cardinale Giordano). Contattato da Blog di Cultura, Enrico Tuccillo ha risposto a qualche domanda riguardante i due figli, il rapporto con loro e il reality a cui stanno prendendo parte.

– Come ha reagito quando ha saputo della partecipazione di Peppe e Luigi al GF?

Ho provato forte curiosità.

– In seguito, invece, che effetto le ha fatto vedere i suoi figli sullo schermo? Orgoglio, fastidio o indifferenza?

Sono rimasto affascinato dalla gioia dei fratelli abbracciati sulla passerella.

– Parlando invece della trasmissione in sé, c’è chi ritiene il GF un frivolo ma innocuo programma e c’è chi lo ha addirittura paragonato a Salò di Pasolini: soggettivamente, qual è la sua opinione?

Frivolo si; innocuo assolutamente no! Più che a Salò, lo paragonerei ad una moderna e ridotta rappresentazione dei Borgia.

Enrico Tuccillo (Foto: Alessandro Zarcone)
Enrico Tuccillo (Foto: Alessandro Zarcone)

– Si è fatto cenno, anche durante la trasmissione, ai rapporti non facili tra lei e i suoi figli: in relazione a Luigi e Peppe, potendo tornare indietro, c’è qualcosa che cambierebbe del suo modo di gestire le relazioni con loro?

Annullerei mefitici mediatori che si sono introdotti tra loro e me.

– Come avrà fatto caso, specie negli ultimi anni, pare regni il terrore di mettere al mondo figli, specie al Nord Italia, dove ci si sposa e si procrea poco o tardi: da uomo del Sud e padre di nove figli, secondo lei, perché? È solo questione di precarietà economica?

La precarietà economica non c’entra niente. Il problema, semmai, è non aver trovato la gioia di essere insieme e felici.

Foto: Alessandro Zarcone
Foto: Alessandro Zarcone

– Tra i milioni di spettatori del GF, c’è anche qualche malalingua che dubita dell’effettiva sordità di Peppe, che la acuirebbe, a loro dire, per ricevere maggior simpatia dal pubblico. Ha qualcosa da dire a chi la pensa così?

Magari così fosse…

– In definitiva, chi crede le somigli, nel complesso, maggiormente? Peppe o Luigi?

Guardando il Grande Fratello, ho avuto la conferma che Peppe è il mio erede mancato nell’avvocatura; ma forse non è tutto perduto. Sentendo i commenti del grande Amendola, ho pensato di organizzare, insieme a Peppe, una scuola di oratoria moderna fatta di parole, sguardi, gesti capaci di comunicare pensieri ed emozioni.

Grazie a Enrico Tuccillo da parte di Blog di Cultura.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here