CONDIVIDI

Giosada, all’anagrafe Giovanni Sada, è il concorrente di X Factor 2015 della categoria over capitanata da Elio.

Il bel tenebroso ha conquistato le fan del programma, con i suoi modi gentili ma viso e anima da rockettaro. Già dalla prima audizione ha attirato l’attenzione, con una interpretazione che ha lasciato a bocca aperta giurati e pubblico, di Personal Jesus dei Depeche Mode.

Tutte le fan in delirio ogni volta che a X Factor è il suo turno, non solo per la notevole presenza fisica ma anche per l’espressività delle sue interpretazioni nei più disparati generi musicali affrontati finora in gara, qualità che gli fa guadagnare anche il favore del pubblico generale, non solo femminile.

Ma scopriamo un po’ chi è Giovanni, prendendo spunto da un’intervista rilasciata da lui ai microfoni di Sky.

Giosada è di Bari è nato il 10 settembre 1989, ha 26 anni. Un ragazzo umile che si guadagna da vivere suonando, lavorando in una compagnia teatrale e smontando palchi e cose simili all’occorrenza. Dice di non avere un temperamento che sovrasta gli altri, per questo uno dei suoi pregi è il silenzio. Il difetto invece è l’indecisione. Nel suo profilo personale su Facebook la situazione sentimentale è Single.

Per fare musica rinuncerei a tutto”, racconta Giosada nell’intervista: la passione per questa è infatti nata con lui. La sorella, non appena nato, ha fatto partire l’album 1984 dei Van Halen, che ancora oggi riecheggia nelle sue orecchie e lo ha sempre accompagnato nella vita. La sua prima audio cassetta all’eà di 7 anni fu quella degli Aqua e poi di Nek.

Giovanni avrebbe voluto scrivere “Bandiera Bianca” e probabilmente non canterebbe mai una canzone di Gigi D’Alessio.
Dice di trovarsi benissimo in squadra con Elio e di essere subito entrato in empatia con lui, poiché condividono dei modi di vedere simili riguardo il mondo della musica e l’utilizzo della lingua in esso. Gli sarebbe piaciuto duettare con Joe Cocker, e se fosse possibile con Santana. Si ispira molto a Battiato ed Eric Clapton, ma anche a dei gruppi della sua terra d’origine.

Per lui l’X Factor è una dote connaturata che però va coltivata e abilmente dimostrata al pubblico.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here