CONDIVIDI

In collegamento con il TG1, Fiorello ha voluto omaggiare i vigili del fuoco morti prima di lanciare la sua nuova puntata di Viva Rai Play

“Un abbraccio alle famiglie dei tre vigili del fuoco”

“Un pensiero, un abbraccio alle famiglie dei tre Vigili del fuoco e un abbraccio a tutti i Vigili del fuoco in Italia a in particolare a quelli del Distaccamento Prati che sono nostri vicini di casa”.

Le parole di Fiorello sono state molto apprezzate e hanno portato al dovuto senso di realtà prima di lanciare il nuovo episodio del format streaming della trasmissione di Rai Play.

L’omaggio va ai tre vigili del fuoco morti in un’esplosione presso una cascina nella zona di Alessandria.

“Una esplosione voluta e deliberatamente determinata”, spiega Enrico Cieri, procuratore di Alessandria.

Secondo le prime ricostruzioni l’ordigno sarebbe stato piazzato volutamente, per distruggere l’edificio.
Si chiamavano Matteo Gastaldo, 47 anni, Marco Triches, 36 anni e Antonio Candido, 32 anni i tre vigili del fuoco deceduti al momento dell’esplosione.

Un dramma che ha scosso tutto il paese.

Fiorello ha deciso di omaggiare le vittime e mandare un abbraccio alle famiglie, ai colleghi e agli amici, proprio prima di lanciare il nuovo episodio del suo fortunato format streaming.

Viva Rai Play è una interessante scommessa, un tentativo di portare la Rai nel mondo dell’intrattenimento on demand, in particolar modo sfruttando una trasmissione piuttosto classica, elemento considerato una debolezza del format, ma che si è rivelato, almeno per adesso, vincente.

Fiorello è il protagonista assoluto di Viva Rai Play e, dopo anni e anni di carriera, si trova a gestire qualcosa di inedito per il mondo Rai, un tentativo di trasformare Rai Play in qualcosa d’altro, in grado di reggere l’impatto dei nuovi canali streaming che stanno lentamente portando le persone lontane da Rai e tv, abbassando di molto il valore delle pubblicità e in generale il potenziale economico televisivo.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here