CONDIVIDI
santamaria instagram

Claudio Santamaria non accetta la censura di Instagram che ha rimosso una foto sul suo profilo.

Nella foto l’attore era assieme a sua moglie Francesca Barra, i due si vedevano nudi, abbracciati nella doccia, ma filtrati dal vetro opaco che non mostrava quindi i dettagli.

L’attore si è sentito attaccato dato che non pensava di aver proposto un contenuto hot ma una semplice foto artistica: “Siamo indignati e arrabbiati, dal momento che su tantissimi profili vengono mostrati c….i e tette senza nessun senso artistico”.

Santamaria ha raccontato l’episodio sul suo profilo dove dice: “Cari amici, cari fotografi, la foto che avevamo pubblicato questa mattina in cui eravamo ritratti io e Francesca abbracciati in doccia visti attraverso un vetro opaco, è stata rimossa da Instagram perché non segue le loro ‘Community Guidelines in merito a nudo o pornografia’”, postando anche l’immagine con la scritta: ‘il tuo post è stato eliminato’.

Ed ecco che spiga come la pensa: “Siamo indignati e arrabbiati, dal momento che su tantissimi profili vengono mostrati culi e tette senza nessun senso artistico. Inoltre, vi sono alcuni fotografi di nudo che pubblicano foto erotiche e non vengono censurati. Incoerenza e censura, vi meritate i selfie sopra a degli unicorni gonfiabili”.

“Instagram non cancella commenti che alimentano odio e violenza, ma cancella una foto che non ha nulla di osceno o pornografico. Pubblicheremo la foto su altri social”.

Una situazione piuttosto controversa che vede forse una reazione eccessiva da parte dell’attore noto per l’eccezionale interpretazione in “Lo chiamavano Jeeg Robot“, film cult italiano degli anni recenti.

Viene da chiedersi quanto valga la pena prendersela così tanto per una foto su Instagram… ma il mondo delle celebrità e presunte tali è più complesso di quello che pensiamo, e una foto virale può rilanciare un personaggio e farlo andare immediatamente sotto ai riflettori, anche con la censura l’effetto è sicuramente arrivato!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here