CONDIVIDI
Malattia di lyme zecca zecche

Problemi per Karel Poborsky. L’ex centrocampista della Lazio, e famoso soprattutto per la sua storia coppia di goal durante la sfida dell’inter del 5 maggio del 2002.

Pare che lo sportivo abbia contratto la malattia di Lyme, questo è accaduto per colpa della sua barba! Nella barba sarebbe entrata una zecca che l’ha così morso infettandolo con la particolare malattia.

Il calciatore ceco è stato trattato con numerosi antibiotici, tanto da ritrovarsi una guancia completamente paralizzata. La foto postata sui social mostra il prima e dopo la malattia, creando un contenuto piuttosto shoccante che mostra quanto il morbo abbia causato problemi all’atleta. Anche la sua barba sta tornando a crescere.

L’atleta non dovrebbe più avere problemi, dovrà però effettuare numerosi controlli per essere sicuro di aver scongiurato la patologia.

La malattia di Lyme è una pericolosa infezione batterica che si diffonde a una velocità incredibile. Di solito si mostra attraverso un eritema cutaneo di piccole dimensioni. In pochissimo tempo la macchia si espande fino a raggiungere dimensioni notevoli.

Oltre alla reazione cutanea, la malattia di solito da sintomi quali: febbre, mal di testa, forte rigidità al collo. Se non curata immediatamente, la vittima si ritrova in situazioni di forte rigidità muscolare che sfiorano la paralisi. In caso di complicanze la malattia porta a problemi ossei, forti problemi motori e addirittura a un rallentamento cardiaco che può portare anche alla morte.

Il giocatore quindi ha rischiato notevolmente, in particolare, un avanzare della patologia, anche se curato, avrebbe potuto compromettere per sempre la sua carriera calcistica.

La malattia di Lyme è molto diffusa anche in Europa e non va sottovalutata per nessun motivo. se doveste riconoscervi nei sintomi sopraccitati, il consiglio è quello di consultare immediatamente il medico curante, così da poter escludere con certezza una infezione, magari per il morso di una zecca in questi mesi estivi di scampagnate e vacanze.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here