CONDIVIDI

Tale e Quale è un grande successo televisivo.

Una soddisfazione non da poco per Carlo Conti che porta a casa l’ennesima trasmissione campione di share.

A rendere il programma così seguito hanno collaborato anche gli ospiti tra i quali troviamo: Eva Grimaldi, Francesco Monte, Francesco Pannofino, Gigi e Ross, Tiziana Rivale, Jessica Morlacchi e Lidia Schillaci, Davide De Marinis, David Pratelli, Flora Canto, Sara Facciolini e Agostino Penna.

Tutti protagonisti di una trasmissione che mette in campo alcuni colossi dell’intrattenimento Rai vecchia scuola, Carlo Conti, Loretta Goggi, Giorgio Panariello e Vincenzo Salemme.

Ecco che la nuova stagione scalda i motori e Conti racconta le novità in arrivo:
«Stavolta i protagonisti saranno 13, ma Gigi e Ross gareggeranno insieme, faranno delle coppie famose, a cominciare dai Righeira. E poi, visto che l’ultima puntata andrà in onda dopo una settimana di pausa per dare spazio alla Nazionale di calcio, abbiamo pensato di utilizzarla come uno spin-off, che intitoleremo Tali e Quali e ci permetterà di sperimentare dei non vip».

Qualche parola riguardo alla scelta dei concorrenti:
«Il cast è la parte più difficile ma anche la forza del programma, facciamo i provini a personaggi che si propongono e ad altri che invitiamo noi. I protagonisti devono avere innanzitutto una bella voce, non troppo caratterizzata, e versatilità, perché bisogna interpretare altri. Come sempre bisogna fare una “macedonia”, mettere insieme tanti sapori, ma sono tutti professionisti dello spettacolo».

Le speranze per la nuova stagione?
«Che sia “tale e quale” alle altre, che riesca cioè a mettere davanti alla tv tutta la famiglia. La nostra parola d’ordine è divertire e non finire tardi, entro la mezzanotte, anche a scapito di uno 0,5% di share in meno. Ci sembra una forma di rispetto, visto che ci seguono anche i bambini».

A quanto pare però i dubbi sono davvero pochi, e già si parla di stagioni successive per un format amato dalle famiglie e studiato alla perfezione per diventare un programma di punta.
«Lascio rispondere lo spettacolo con Pieraccioni e Panariello, che riprendiamo a dicembre al Brancaccio di Roma: sul finale ci divertiamo a vedere come saremo noi proprio tra 20 anni. Come credo che sarò? Certo meno attivo, meno pronto ma sempre con questo spirito da ragazzo».

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here