CONDIVIDI

Un misto di dramma e commedia che ha conquistato nel corso di questo decennio milioni di lettori: nel 2010 lo scrittore Alessandro D’Avenia ha esordito col botto con il romanzo Bianca come il latte, rossa come il sangue (Mondadori), arrivato in cinema alle classifiche italiane. Tre anni dopo arriva anche l’adattamento per il grande schermo, diretto da Giacomo Campiotti, che stasera verrà trasmesso da Rai 1 in prima serata. Accattivante per il tema scelto – amore e malattia – e per la colonna sonora giovanilistica (dai Modà a J-Ax), il film è composto da un cast che prevede, oltre al veterano Luca Argentero, una folta schiera di giovani interpreti, come Filippo Scicchitano (Leo, il protagonista), Aurora Ruffino (Silvia) e Gaia Weiss (Beatrice, la donna dei sogni di Leo).

Bianca come il latte rossa come il sangue è in effetti l’esordio assoluto sul grande schermo per Gaia Weiss, nata a Parigi nell’agosto del 1991: poliglotta (parla correttamente italiano, francese, polacco, inglese e tedesco), ballerina sin dalla tenerissima età, Gaia si diploma nel 2009 al Lycée Montaigne della capitale transalpina. Subito dopo si iscrive alla London Academy of Music and Dramatic Art e inizia a lavorare come modella e attrice di teatro: nella città natale è di casa al Théâtre Rive Gauche.

Gaia Weiss e Filippi Scicchitano alla prima del film (Foto: Lapresse)
Gaia Weiss e Filippi Scicchitano alla prima del film (Foto: Lapresse)

Dopo il film di Giacomo Campiotti, Gaia Weiss prende parte alla produzione francese Mary Queen of Scots (nel ruolo di Mary Fleming) e recita a fianco di Kellan Lutz in Hercules – La leggenda ha inizio (2014, regia di Renny Harlin), dove veste i panni della principessa Ebe di Creta. Nello stesso anno inizia a farsi vedere anche in TV, nella serie Vikings, in onda pure in Italia.

Attualmente, la Weiss è impegnata nelle riprese del film Overdrive, a fianco di Scott Eastwood e Ana de Armas.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here