CONDIVIDI

Lo scontro tra Adriana Volpe e Magalli è destinato a crescere, sopratutto dopo le parole di Magalli che non è riuscito a chiudere la questione rilanciandola la scorsa settimana con un messaggio sibillino.

Magalli continua con le sue frecciatine contro la Volpe che non le accetta a rincara la dose.

Ed eccola che commenta, parafrasano il messaggio di Magalli:

È venerdì e si avvicina il weekend. Non lavorando più, ho tempo anch’io per fare serenamente un ripasso.
Un mio ex compagno di lavoro, ospite ieri in un programma dell’ammiraglia Rai, non ha perso occasione per continuare a screditarmi, ha sostenuto per l’ennesima volta di avermi dovuto sopportare per otto anni.

Adriana Volpe mette a tacere Magalli, sottolineando inoltre di non star più lavorando in televisione, cosa che potrebbe essere connessa al litigio con il personaggio.

A tutti, ci piaccia o no, può capitare di lavorare con qualcuno che magari non ci entusiasma; lui stesso, se si fosse trovato così bene con la stessa persona, non avrebbe forse cambiato così spesso compagne di lavoro: la sua lista, infatti, per quanto lunga non è esaustiva (chissà cosa pensa ad esempio di Anna Falchi e Mara Carfagna, e chissà in generale cosa pensano tutte di lui. “Ah, saperlo” direbbe Dandolo).

Ed eccola ricordare la confessione di Magalli, che raccontò di un falso incidente in diretta studiato per liberarsi dell’odiata collega:

Ma, ora, io vi chiedo: QUANTI, SUL LAVORO, PER LIBERARSI DI CHI NON GRADISCONO, ARRIVANO A CREARE APPOSTA UN INCIDENTE? Perché questo, secondo quanto da lui dichiarato tempo fa al settimanale DIVA E DONNA, avrebbe fatto un mio ex compagno di lavoro visto che, sempre a suo dire, non sarebbe stato accontentato nella sua richiesta di non lavorare più con me. Io sono sempre andata d’amore e d’accordo con i miei compagni di lavoro TRANNE UNO, e nessuno ha mai creato incidenti. Cosa vi viene da pensare? Qual è la persona da esecrare? Io o quell’unica?

A questo punto vorrei sapere però cosa pensa di tutta questa vicenda la Commissione per le Pari Opportunità Rai.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here