CONDIVIDI

Il 28 febbraio 2016 avrà luogo al Dolby Theatre di Los Angeles l’88° edizione della cerimonia degli Oscar.

Il film con più nomination è Revenant del regista messicano Iñárritu: candidato per ben 12 statuette.

Tra queste, una sarebbe riservata a Leonardo DiCaprio come migliore attore protagonista.

Già lo sappiamo: DiCaprio, in tanti anni di onorata carriera, non ha mai vinto un Oscar nonostante le numerose nomination (6 per la precisione, di cui 5 come “miglior attore”). Le battute si sprecano, sui social già da tempo si ironizza sul fatto che a vincere l’Oscar sarà l’orso piuttosto che DiCaprio, e siamo pronti a scommettere che qualcuno ha già creato meme divertenti da tirare fuori al momento opportuno.

E se invece questa fosse la volta buona per DiCaprio? A questo giro l’attore ha davvero tutte le carte in regola per vincere l’Oscar. Ecco i motivi per cui, secondo noi, quest’anno Leo otterrà l’ambita statuetta:

Perché ha dovuto sottostare a orari estenuanti

Iñárritu è un perfezionista: ha scelto come location solo luoghi deserti e incontaminati, perfetti per raccontare la storia dell’esploratore statunitense Hugh Glass. Peccato che questi luoghi distassero dall’albergo due ore di macchina, e che le strade non fossero asfaltate.

Quindi Leo ha dovuto molto spesso svegliarsi alle 3 di mattina per raggiungere il set e prepararsi alla sezione trucco, che portava via anche 5 ore: per rendere l’idea di un uomo fatto a pezzi, ha infatti indossato 47 protesi diverse sul corpo.

Ma la cosa peggiore è che il regista e il direttore della fotografia, Emmanuel Lubezki, hanno voluto girare il film solo con luce naturale. E sapete quante erano le ore di luce disponibili in quella parte del Canada? Solo 2 al giorno.

Perché le condizioni meteo erano davvero pesanti

Le riprese del film si sono protratte per 9 lunghi mesi. In quest’arco di tempo, molti della produzione hanno abbandonato perché sul set il freddo era davvero insopportabile: le temperature potevano raggiungere anche i 40° sottozero.

Ma Leo, stoico, è rimasto: per ripararsi dal freddo gelido l’attore ha indossato pellicce pesanti ben 45 kg, e si è addirittura infilato dentro la carcassa di un animale.

Il film inoltre prevedeva numerose scene in acqua, e DiCaprio ha rischiato più volte l’ipotermia. La sua salvezza sono state delle asciugatrici giganti e la presenza di un’unità medica sul set.

I 5 motivi per cui Leonardo DiCaprio vincerà l’Oscar

Perché ha saputo sfruttare la situazione a suo vantaggio

Con orari e condizioni atmosferiche di tale entità, è facile ammalarsi. Così è successo a DiCaprio: ha avuto spesso la febbre, ma invece di lamentarsi o di abbandonare le riprese ha saputo sfruttare ogni malanno per calarsi meglio nel personaggio. Per esempio, ricordate la tosse di Hugh Glass? Non è simulata, Leo aveva la bronchite.

Esiste una performance più reale di questa? Praticamente da Oscar!

Perché ha mangiato fegato crudo di bisonte

Mangiare fegato crudo è disgustoso per qualsiasi persona, ma per DiCaprio ancora di più: l’attore è vegetariano, ma per rendere la propria interpretazione più autentica ha acconsentito ad addentare il fegato di un bisonte.

In un’intervista a Variety, DiCaprio ha detto: “La cosa peggiore è la membrana che avvolge il fegato, è come un palloncino. Quando le dai un morso ti scoppia in bocca”. È proprio il caso di dire che ha avuto.. del fegato!

Perché la concorrenza non è spietata

Ammettiamolo: quest’anno gli altri candidati all’Oscar come miglior attore non ci hanno davvero emozionato. Bravi anche loro, per carità.

Ma siamo sicuri che Eddie Redmayne sia riuscito a calarsi nel personaggio meglio di quanto abbia fatto Leo? Matt Damon e Bryan Cranston hanno fatto sacrifici paragonabili a quelli del loro collega? E non sarebbe stato più saggio candidare Michael Fassbender nel ruolo di Macbeth piuttosto che in quello di Steve Jobs?

Gli scorsi anni la concorrenza era davvero agguerrita: basti pensare alla cerimonia degli Oscar del 2014, dove giustamente la statuetta era andata a Matthew McConaughey, che per interpretare al meglio il suo personaggio aveva perso più di 20 chili.

Ma quest’anno Leo ha la strada spianata: nessuno si è impegnato più di lui. Ha fatto un lavoro eccellente, sacrificandosi e mettendo a nudo se stesso. Merita l’Oscar più di chiunque altro.

Sarà un peccato per le numerose battute e vignette che non vedranno la luce, ma almeno le ottime doti attoriali di DiCaprio verranno finalmente riconosciute anche dai membri dell’Academy.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here