CONDIVIDI
young signorino

Nato nei meandri della rete Young Signorino ha visto una graduale crescita di popolarità, evolvendo musicalmente fino a raggiungere i livelli attuali che l’hanno consacrato come icona della musica alternativa italiana, oltre che come uno tra gli artisti più eccentrici e originali in circolazione.

All’interno di un panorama da elettrocardiogramma piatto, Young Signorino è una vera e propria boccata d’aria fresca, capace di proporre un genere d nicchia, la Trap, al pubblico italiano e influenzare le tendenze e lo stile della scena rap e hip hop italiana (che non se la passa benissimo negli ultimi tempi tendendo selvaggiamente verso il prodotto pop e commerciale).

Intervistato dal Rollingstone, Young Signorino di è definito “figlio i Satana”, ha affermato di frequentare cliniche psichiatriche e di essersi auto-indotto un coma farmacologico nel 2016.

“Ero completamente cosciente di ciò che stavo facendo. L’ho fatto apposta per divertirmi e vedere se potevo cambiare personalità”.

I testi delle sue canzoni parlano spesso di droga e farmaci, droga e pazzia, oltre a descrivere una condizione di annullamento esistenziale.

“Secondo me è tutto normale quello che faccio. Solo che il mondo non è ancora pronto”, afferma Young Signorino.

A completare la sua figura c’è un look folle e curato, fatto di abiti eccentrici, sottanoni, dita fasciate e tatuaggi in faccia, oltre che mocassini, fondamentali a quanto pare per Young Signorino.

“Un Signorino lo riconosci soprattutto dai mocassini”, spiega.

L’autore è recentemente uscito con un pezzo in collaborazione addirittura con Bigfish, produttore italiano e figura chiave della scena rap e hip hop. Con La Danza dell’Ambulanza, appassionati a detrattori potranno riconoscere l’evoluzione musicale e le sonorità nuove che Young riesce a esprimere, segno probabilmente di una maggiore affermazione di quel suo stile assolutamente unico che lo contraddistingue.

Il fenomeno Young Signorino non è destinato a fermarsi, anzi. Un rapido giro su Youtube vi mostrerà il clamore generato dalle sue canzoni, tra chi lo crede semplicemente un troll e chi inizia invece a cogliere il genio musicale che si cela nelle cacofonie e nel dadaismo dei testi.

 

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here