CONDIVIDI
cibo e musica

Una notizia che ha dell’incredibile e che potrebbe far gridare al complotto i più paranoici di noi, ma che è stata confermata da uno studio scientifico.

A quanto pare, il volume della musica all’interno dell’ambiente dove ci troviamo può influire sulla scelta di cosa mangeremo.

La musica più soft, infatti sembra renderci più consapevoli, permettendo quindi di scegliere con una reale riflessione. Di solito con musica leggera finiamo per effettuare una scelta più consapevole. al contrario, la musica a volume elevato genera stress e ci porta a fare scelte rapide che puntano spesso per la pietanza meno sana e più gustosa.

Lo studio è stato effettuato dalla  University of South Florida e pubblicato sulla rivista Journal of the Academy of Marketing Science.

“I ristoranti e i supermercati possono utilizzare la musica ambient in modo strategico per influenzare il comportamento di acquisto dei consumatori”, ha spiegato Dipayan Biswas, del Muma College of Business della University of South Florida.

Lo studio è stato effettuato all’interno di un bar di Stoccolma, dove il ricercatore ha messo in loop vari generi musicali dividendoli in fasi da 55 decibel e fasi da 70 decibel.

Una volta analizzate le scelte del menù e categorizzate per sane, neutro e non salutari si è scoperto come il 20% dei clienti in più tende a ordinare prodotti poco sani quando esposto a musica a volume elevato.

Questo dato è estremamente interessante e potrebbe essere un segreto delle grandi compagnie, o una tecnica che utilizzeranno in futuro. La musica può quindi stimolare le nostre scelte attraverso un sottile gioco psicologico che ci vede diventare marionette in mano al gestore del locale dove ci troviamo.

Tra le innumerevoli tecniche di marketing utilizzate dalle grandi multinazionali, quella della musica potrebbe diventare una nuova arma, attenzione quindi quando ordinate, e fate caso a cosa state ascoltando, prima di compiere una scelta troppo affrettata.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here