CONDIVIDI
suburra

Suburra, il film di Stefano Sollima uscirà il 14 ottobre nelle sale. Notizia ancora più interessante per gli appassionati del genere è scoprire che presto verrà realizzata anche la serie. Nonostante Suburra non sia ancora stato tramesso, è già diventato un grande successo: è stata annunciato che la realizzazione della serie avverrà grazie alla produzione di Netflix in collaborazione con Cattleya e Rai.

Il film è tratto dall’omonimo romanzo di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo, e la direzione è affidata a a Stefano Sollima, con la collaborazione e la partecipazione di attori del calibro di Pierfrancesco Favino, Elio Germano e Claudio Amendola. Suburra, in sostanza, è il seguito di Romanzo Criminale: racconta degli affari e delle barbarie compiute dalla banda della Magliana, poi si passa ad analizzare da vicino la lotta criminale per la conquista del territorio di Ostia. Intanto, l’attesa per l’uscita nelle sale di Suburra si fa sentire e si attendono i risultati al botteghino durante il primo week-end.

Le riprese della serie prevedono un complessivo di 10 episodi a partire da gennaio 2016, mentre la messa in onda sarà collocata nel 2017, proprio su Netflix. Il film sarà presente non soltanto in Italia ma anche, nello stesso momento, nelle sale cinematografiche di paesi come gli Usa e l’America Latina proprio grazie a Netflix. Gli italiano potranno godersi da casa la visione del film a partire da maggio 2016, mese in cui Suburra sarà disponibile.

Netflix, sito di produzione americana nato con l’intento di trasmissione in streaming, ha un nuovo obiettivo: intende produrre una fiction italiana di qualità, seguendo esempi quali quelli di Romanzo Criminale e di Gomorra – La serie, serie che hanno riscontrato un incredibile ed inaspettato successo nazionale ed internazionale. Il successo è in parte dovuto al grande lavoro di Stefano Sollima, ma non va dimenticata anche la co-produzione Rai: alcuni si chiedono se Suburra possa approdare proprio come fiction italiana proprio suo canale della Rai, dopo aver sperimentato lo streaming online.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here