CONDIVIDI

Pochi giorni fa, un incendio ha portato all’evacuazione degli studios di Warne Bros.

A quanto pare però, mentre le persone scappavano ed evacuavano la zona, Clint Eastwood non si preoccupava più di tanto.

Il celebre attore e regista, noto per i suoi ruoli da duro e per i suoi eccezionali film ha preferito finire ciò che stava facendo prima di allontanarsi dall’edificio.

Come riporta il figlio di Clint, mentre gli addetti evacuavano le varie aree degli studios, Clint avrebbe risposto:

“Sto bene. Ho una cosa da finire”.

Clint Eastwood stava lavorando al suo nuovo film e non aveva alcuna intenzione di lasciare il lavoro a metà.

Ecco le parole del figlio:

“Il mio vecchio papà di 89 anni ha replicato così agli uomini della sicurezza ed è rientrato dentro la sala di mixaggio per assemblare il film”.

L’incendio, del quale non si conoscono le cause è stato davvero intenso.

Si parla infatti di trecento metri quadri e della necessità di 230 pompieri per fermarlo.

Sono stati utilizzati anche cinque elicotteri e due aerei antincendio.

Per fortuna i danni alle persone sono stati ridotti, sembra che sia rimasto ferito solo un vigile del fuoco.

Gli Studios sono rimasti intatti, nonostante il pericolo e il fumo.

La notizia di Clint Eastwood però riesce a donare un ulteriore alone di leggenda intorno a questo iconico personaggio capace di segnare la storia del Cinema, prima con la sua recitazione e successivamente con la regia.

Di fronte all’avanzare delle fiamme, l’89enne Clint Eastwood ha scelto di continuare a rifinire il suo film come se niente fosse.

Una scelta certo incosciente ma che scatena ammirazione e rispetto nei confronti di questa icona senza tempo del Cinema mondiale.

Nel frattempo si cerca di scoprire cosa abbia causato l’incendio e se questo sia naturale o doloso.

Gli incendi sono infatti una piaga che sta colpendo gli USA.

 

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here