CONDIVIDI

La vicenda Mark Caltagirone è arrivata a una svolta.

Mark Caltagirone non esiste, esiste invece un sistema di catfish nel quale sono cadute, o dicono di essere cadute, Pamela Prati e Eliana Michelazzo.

Ed ecco che, a giorni dalla verità arrivano le prime conversazioni della Prati su Caltagirone.

“Adesso esce fuori pure la parte mia non ti preoccupare – si legge in uno dei messaggi mostrato su fanpage -. Adesso vanno su Simone, su me, vedrai. Faranno due più due, visto che abbiamo fatto le stesse cose con Marco“.

“Le preoccupate di tutta questa situazione eravamo io ed Eliana – spiega poi la Michelazzo -. Noi avevamo tanti pensieri per quello che scoprivano tutti, la Prati no. Il primo video di Mark Caltagirone pubblicato da Pamela? Sì, io ero con loro a girare quel filmato. Quell’uomo era un amico. Un amico nostro di tutti, mio e della Prati di sicuro. Noi abbiamo preso questo ragazzo da usare nei video perché ovviamente sapevamo che il matrimonio non c’era. Quindi tra noi tre ne parlavamo”.

Nei messaggi si legge la Prati parlare di Caltagirone come fosse presente, nonostante abbia sempre detto di non averlo mai incontrato.

Pamela potrebbe essere caduta in qualcosa di molto più grosso del previsto, una mensogna compulsiva o addirittura un disturbo psicologico che la portava a credere nell’esistenza del marito immaginario.

Una situazione dalle tinte sempre più cupe quella che circonda la vicenda Simone Coppi e Mark Caltagirone.

Due nomi che sono entrati ormai nell’immaginario collettivo e che non cessano di far parlare anche adesso che ne conosciamo l’inesistenza.

“Io ero scioccata quando Pamela mi scriveva di essere con Mark – racconta la Perricciolo -. Credo però che queste chat servissero anche per una cronologia. Per averle sul telefono”.

Un vero e proprio mistero del quale forse non riusciremo mai a sapere la verità.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here