CONDIVIDI

Uso le parolacce, le uso finalmente, perché dopodomani non mi sentirete più, sono alla penultima giornata qui dentro. Sono eternamente grato ai miei ascoltatori”.

Si sfoga Oscar Giannino grande voce di Radio24, capace negli anni di affrontare il mondo economico del paese e di trattare temi importanti e complessi rendendo le persone più consapevoli di come vanno le cose nel mondo dell’economica e del lavoro.

Dopo dieci anni di trasmissione, Radio 24 ha deciso di cancellare il programma.

Senza Giannino e Cruciani, Radio 24 potrebbe perdere un gran numero di ascoltatori.

A quanto pare però il dado è tratto e la Radio 24 che conoscevamo sta per tornare nient’altro che la radio di Confindustria, salvata forse da Barisoni e dalle sue attente analisi di mercato.

Il mancato rinnovo del contratto di Giannino lascia presumere un addio alla radio.

Eccolo che dice:

“Sorella, l’azienda ha pieno potere di decidere. Ma una cosa so: tu, l’intera redazione, tecnici e assistenti senza di cui non si farebbero programmi, siete stati mia famiglia aggiuntiva per 10 anni. Mi mancherete tutti per quanto mi avete insegnato, insieme a tutti gli ascoltatori”.

Sono in tanti gli utenti che supportano Giannino.

Sui social c’è stata una vera e propria mobilitazione generale a favore di Oscar e della sua trasmissione.

Nel particolare Giannino vive un periodo difficile.

Dopo un pignoramento, il conduttore radiofonico si trova con tutte le carte e i conti bloccati, una situazione paradossale per un personaggio conosciuto da milioni di persone, elemento che denota come sia diventata ormai transitoria la stessa notorietà.

Vivo oramai da una settimana accampato in ufficio, sono costretto a un regime di pura sopravvivenza dopo quello che mi è successo”, raccontava di recente.

Giannino si è lasciato ormai andare e sembra che nelle ultime puntate si toglierà qualche sassolino dalle scarpe.

La speranza è di vederlo comunque tornare, magari in un differente palinsesto.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here