CONDIVIDI

Jarvis Kaye del FaZe Clan ha ricevuto un ban a vita sul gioco Fortnite Battaglia Reale.

Ninja, autorità nel mondo del battle royale è intervenuto a difesa del giocatore professionista.

Jarvis del FaZe Clan non merita il ban a vita, è questo il pensiero di Tyler “Ninja” Blevins.

Ninja non giustifica le azioni di Jarvis ma vede esagerata la reazione di Epic Games che gli ha dato un ban a vita, elemento che lo mette in serie difficoltà.

“Jarvis è ancora molto giovane, penso semplicemente che sia uno stupido ragazzino che ha preso una stupida decisione, senza davvero aver pensato a cosa stava facendo. Ma non era un torneo, e non era neppure una Cash Cup, quindi al limite avrebbe dovuto ricevere un ban di sei mesi. Addirittura a vita?”

Il ragazzo è stato bannato dal gioco online per aver utilizzato un aimbot, un bot che aiuta a prendere la mira e a facilitare il gioco.

Questo però, è accaduto su un suo account secondario, con l’obiettivo di creare dei video da caricare su Youtube e non all’interno di una competizione.

Una violazione del regolamento ma comunque una sorta di scherzo che Jarvis ha pagato davvero caro.

Il giocatore non potrà più giocare in modo ufficiale a Fortnite, trovandosi tagliato fuori da quella che, attualmente è la sua vita nel mondo delle competizioni.

L’utilizzo dell’aimbot di Fortnite, è costato davvero caro a Jarvis e, a quanto pare, Epic Games non ha alcuna intenzione di tornare sui suoi passi e ridurre il tempo di ban del giocatore.

Jarvis potrà creare nuovi account ma gli saranno sospesi se ricondotti a lui…

In poche parole, il personaggio social farebbe meglio a trovarsi un nuovo titolo da giocare, Fortnite infatti non è più per lui.

Nonostante lo scherzo, l’utilizzo degli aimbot, danneggia l’esperienza degli altri giocatori, Epic nona ha intensione di lasciare passare la cosa.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here