CONDIVIDI

Secondo alcune indiscrezioni trapelate in questi giorni, Natalie Portman potrebbe firmare un contratto che la legherà ai cinecomic DC, in particolare a “Wonder Woman“, allontanandosi, di conseguenza, dall’universo Marvel, in cui interpreta(va) Jane Foster, amante di Thor.
Natalie Portman avrebbe deciso di cambiare squadra soprattutto grazie a Patty Jenkins, la regista donna che dirigerà “Wonder Woman“, in uscita nel 2017. La regista statunitense, a ben ricordare, già avrebbe dovuto, in passato, dirigere Natalie, proprio in Thor 2; a causa di “divergenze creative“, tuttavia, venne silurata dalla Marvel e, al suo posto, venne scelto Alan Taylor.

Questa esclusione non fece altro che aumentare i malumori della stessa Natalie e, ai danni della Marvel, le accuse di “sessismo” intorno ai cinecomic (motivo che ha spinto all’introduzione di Scarlet Witch e maggiore importanza a Vedova Nera).
Errore che la DC non vuole replicare e, per questo, oltre che introdurre fin da subito la figura di Wonder Woman, ha affidato le redini della direzione a una regista donna.

Ciò nonostante, il contratto di Natalie la legherebbe ai cinecomic Marvel almeno per un altro film: “Thor: Ragnarok“.
Di questo terzo capitolo si conosce ancora troppo poco, ma il fatto che la figura di Jane Foster non venga più introdotta, se non con qualche piccola battuta in “Avengers: Age Of Ultron”, potrebbe facilitare quest’abbandono e, quindi, il passaggio di Natalie alla Warner Bros/Dc.
Se così fosse, Natalie si aggiungerebbe ad una folta schiera di abbandoni, come Edward Norton, Terrence Howard, Mickey Rourke, Hugo Weaving, non troppo felici del trattamento riservato da Marvel

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here