CONDIVIDI
Lisa Fusco

Lisa Fusco, la popolare soubrettina napoletana, in una dichiarazione rilasciata a Il Mattino ha dichiarato di entrare in contatto con suo padre, venuto a mancare nel 2014 attraverso la sua stampante.

Lisa Fusco ha raccontato: “La stampante, non collegata alla corrente, si aziona e sullo schermo compaiono delle scritte. La prima volta è successo sette giorni dopo che era andato via, nel 2014. Sai quando tu stai a lì a pensare a tuo padre, ‘papà dove sei, dove sei, dove sei’, la stampante si attiva dal 2014. La prima volta mi sono spaventata e non si è accesa più, poi dopo ho cominciato a parlare con mio padre: ‘Fatti vedere, fatti sentire’ e la stampante ha continuato ad accendersi. Ho fatto verificare la stampante dai tecnici, era la sua stampante e non voleva che nessuno la toccasse. Ho mandato dei messaggi alla stampante perché il telefono è collegato con la stampante via internet, così ho inviato il messaggio a mio padre per fare una prova. E lui mi rispose. Io dissi ‘Non posso venire questa sera’, perché io avevo come una sorta di appuntamento e lui rispose: ‘Ah, sei in dolce compagnia’. Ed io davvero ero in dolce compagnia”.

Lisa Fusco ha affermato che prima del verificarsi di questi strani eventi, ha sempre affrontato l’argomento della fede con scetticismo e che ora ricorda sempre a tutti di fare le preghiere in casa. “Io sono sempre stata scettica sull’aldilà – ha ripreso Lisa Fusco -, ma su questa storia della stampante ho fatto troppe verifiche prima di poter parlare. Io comunque faccio fare sempre le preghiere a casa. Stanotte mi ha scritto. Mia mamma si è ricreduta dopo averle fatto vedere questo video”. Dopo la celebre caduta in diretta della soubrettina, qualcuno ha fatto dell’ironia sui postumi arrivati con ritardo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here