CONDIVIDI

Vittorio Sgarbi colpisce ancora e lo fa alla trasmissione “L’aria che tira” condotta da Myrta Merlino su La7. Questa volta la vittima dei suoi insulti è Alice Salvatore, candidata per il Movimento Cinque Stelle in Liguria. Durante la prima parte della trasmissione, gli ospiti erano stati invitati per parlare delle pensioni, argomento che ultimamente ha infiammato parecchi studi televisivi. Vittorio Sgarbi, invece, era presente per parlare di Beni Culturali e quindi è entrato in studio soltanto in un secondo momento.

Alice Salvatore, in collegamento, commenta l’entrata in studio posticipata di Vittorio Sgarbi con tono polemico. La candidata grillina sostiene che Sgarbi sia entrato in studio dopo l’intervento sulle pensioni a causa di una condanna per truffa ai danni dello Stato. Vittorio Sgarbi reagisce come se si aspettasse un commento del genere, mentre la Salvatore continua la sua accusa, sostenendo che Sgarbi percepisce un vitalizio di 8.000 euro e quindi non aveva il diritto di parola nel discorso sulle pensioni.

IL VATE sbrocca a L'Aria che Tira contro Alice Salvatore (M5S):"Stai zitta, cretina. Studia […]. La truffa l'ha fatta sua madre a fare lei."

Posted by L'Età Aurea del Trash Televisivo Italiano on Venerdì 15 maggio 2015

A questo punto, la conduttrice del programma Myrta Merlino interrompe il dibattito per precisare che gli ospiti entrano quando lo decide lei e non c’è stato nessun accordo per evitare il discorso pensioni. Myrta Merlino aggiunge anche che Vittorio Sgarbi non era stato invitato per parlare di pensioni, bensì di Beni Culturali. Inizialmente, Sgarbi si mantiene calmo ma, in seguito ad una nuova replica della Salvatore, comincia a far cadere sulla malcapitata una serie di insulti, a partire dalla frase: “Stai zitta, cretina! Stupida, studia!”.

Successivamente, Sgarbi precisa che non ha preso neanche “una lira” e rivolgendosi alla Salvatore: “Quando dice truffa lo dica a sua madre, che ha fatto la truffa di fare lei!”. Dopo la celebre frase sgarbiana “sei ignorante come una capra”, Sgarbi continua il discorso che aveva precedentemente intrapreso sull’UNESCO e sulla necessità di proteggere i luoghi d’arte minacciati dalla guerra e dai terroristi, come la città storica di Palmira in Siria. Alla fine Sgarbi conclude il discorso sulla truffa dicendo: “Io non ho truffato mai nessuno. Sono stato in aspettativa senza stipendio e condannato da un magistrato sicuramente corrotto”.

[Si ringrazia la pagina L’Età Aurea del Trash Televisivo Italiano per il video]

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here