CONDIVIDI

Le bufale non finiscono mai. Il 2015 si era concluso con la falsa notizia della morte di Robert De Niro, l’anno nuovo si apre con la notizia della presunta morte di un altro Robert: il gigante della cinematografia mondiale Robert Redford, l’attore di pellicole importanti come “Tutti gli uomini del presidente”, “La mia Africa”, “La Stangata”, nonché fondatore (insieme all’amico regista Sydney Pollack) del Sundance Film Festival (interamente dedicato al cinema indipendente) e vincitore di due Oscar (come regista per “Gente comune” e alla carriera nel 2002).

A orchestrare la bufala sarebbe stato un account Twitter specializzato nelle truffe notiziarie, ovvero Sky Breaking News, ma nonostante la sua fama di fuffaro la notizia secondo la quale Robert Redford sarebbe morto in seguito a una caduta da una Golf cart a Santa Monica (California), ha circolato liberamente portando Robert Redford alla necessità di una decisa smentita.

La sua agente Cindy Berger ha divulgato una nota, diffusa dall’agenzia di stampa Reuters, che mettesse definitivamente in chiara luce la bufala circa il decesso di Redford: “Questa è una bufala disgustosa, ho appena parlato con lui e non c’è assolutamente alcuna verità“.

È stato quindi inaugurato l’anno anche sul fronte bufale, sicuramente ne seguiranno altre, ma in fin dei conti smentire bufale, per quanto fastidioso, è sempre più piacevole che confermare decessi.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here