CONDIVIDI
Credits: 01 Distribution

Cibo e cinema. Un connubio sublime di due mondi apparentemente lontani che quando si incontrano danno vita a storie da vedere ma soprattutto da “assaporare”. Storie romantiche, a volte tristi, ma più spesso ironiche e giocose. L’ultima variazione del tema la troviamo ne “Il sapore del successo”, il nuovo film di John Wells, in uscita il 26 novembre. Una commedia «tra i fornelli» con un cast prelibato sul quale spicca la coppia Bradley Cooper e Sienna Miller che si ritrova a condividere il set dopo l’esperienza di American Sniper di Clint Eastwood.

Qui, però, la battaglia non si combatte su un fronte di guerra sperduto chissà dove ma nella cucina del talentuoso e irascibile Adam Jones (Bradley Cooper) che incarna alla perfezione lo stereotipo dello chef contemporaneo: ambizioso, narcisista, perfezionista che farebbe di tutto per ottenere una stella Michelin. Adam aveva tutto questo; e l’ha perduto. Uno chef tutto genio e sregolatezza l’ex enfant terrible della scena gastronomica parigina, noto tanto per le sue creazioni dal gusto esplosivo che la sua inclinazione ai vizi dell’alcol e della droga. Ora però vuole rimettersi in carreggiata e conquistare la terza stella Michelin. Così torna a Londra per aprire un nuovo ristorante, il migliore al mondo. «Non voglio che il mio ristorante sia un posto dove la gente viene e mangia. Voglio che la gente si sieda al proprio tavolo e che stia male dal piacere». Per farlo, però, dovrà affidarsi a dei collaboratori all’altezza: la talentuosa e affascinante Helene (Sienna Miller), il fidato collega parigino Michel (l’Omar Sy di “Quasi amici”), l’amico italiano Max (Riccardo Scamarcio), a cui si aggiungono il maître Daniel Brühl, la psicologa Emma Thomson e il critico gastronomico Uma Thurman. Nel cast anche Matthew Rhys, Jamie Dornan e la star in ascesa Alicia Vikander.

Non è la prima volta che Bradley Cooper interpreta un cuoco. Era il 2005 quando, ancora lontano dai riflettori di Hollywood, l’attore si calò nei panni dello chef Jack Bourdain per la serie tv “Kitchen Confidential”, andata in onda in Italia su Fox per una sola stagione. Un ruolo passato in sordina, ma già allora Bradley ha dimostrato di saperci fare tra pentole e padelle. Per essere un cuoco convincente sul grande schermo, però, l’attore è andato a lezione da Gordon Ramsay e, ha imitato le mosse di Marcus Wareing, lo chef stellato consulente per il film nonché presentatore del programma della BBC Masterchef.

E in effetti in “Il Sapore del successo” l’atmosfera ad alta tensione rimanda un po’ a quella che si respira nel cooking talent, e non mancano neppure i piatti volanti. Ma questo film non è una puntata di Masterchef: è una storia divertente ed emozionante sulla passione per la cucina soprattutto, ma anche sull’amore tra le persone e sul potere salvifico delle seconde opportunità.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here