CONDIVIDI

Sarà che quest’anno è caduto il 70mo anniversario dalla morte (per suicidio, nel proprio bunker) di Adolf Hitler, avvenuta il 30 aprile 1945, ma pare essere un momento in cui l’arte è fortemente attratta dalla figura del Fuhrer. Prima la trasposizione per il grande schermo di Lui è tornato, il romanzo di Timur Vermes del 2013, adesso invece è il turno del Mein Kampf. Sì, perché il Manifesto del partito nazista, pubblicato nel 1925 e scritto da Hitler durante il periodo trascorso nel carcere di Landsberg am Lech, tornerà presto con una nuova edizione.

Il 1° gennaio 2016 scadono infatti i diritti del land della Baviera sull’opera, concessi dagli alleati dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, e l’Istituto di Storia contemporanea di Monaco ha perciò pianificato la ristampa di circa 4000 copie del Mein Kampf, corredate da un consistente e aggiornato apparato critico.

In merito al proprio saggio, Hitler aveva pensato anche a un seguito, realizzato in effetti ma mai da lui reso noto: scoperto nel 1958, venne pubblicato nel 2003 in inglese col titolo Hitler’s Second Book: The Unpublished Sequel to Mein Kampf.

A seguire, il frontespizio dell’edizione del 1925 del Mein Kampf e un paio di tenere dediche firmate di suo pugno dal Fuhrer.

Il 'Mein Kampf' di Hitler torna con una nuova edizione

Il 'Mein Kampf' di Hitler torna con una nuova edizione

Il 'Mein Kampf' di Hitler torna con una nuova edizione

[Ph. Credits. Mercury Press & Media Ltd.]

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here