CONDIVIDI

Chiara Ferragni è uno dei personaggi più amati e odiati del web.

Proprio per questo si dice abituata «ai commenti degli haters».

Commenti che la fanno solitamente «sorridere». Ma che, in alcuni casi sono « così pieni di odio e stupidità che in qualche modo mi scioccano ancora».

L’esposizione pubblica infatti, espone anche a commenti crudeli, cattiverie e puro odio di cui pullula il web.

«L’amore è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per essere felici. L’amore per noi stessi, poi per e da le persone che contano nella nostra vita. Quindi, ogni volta che vedete odio intorno a voi sorridete e dite: “Fottetevi haters, io scelgo l’amore”».

Parla così la Ferragni raccontando i suoi problemi con la notorietà e con quelle che alla fine è il suo lavoro.

Il commento arriva alla proposta di un parlamentare di regolamentare il mondo social chiedendo documento di identità e codice fiscale al momento dell’iscrizione.

Una sorta di negazione del web, che potrebbe però divenire reale proprio per evitare comportamenti tossici e violenza verbale:

«Il fatto di essere facilmente raggiungibili e identificabili renderebbe le persone molto meno vogliose di cospargere gli altri di odio. Quindi potrebbe essere una buona soluzione», commenta la Ferragni.

L’influencer è però convinta che «che il fenomeno degli haters purtroppo c’è e ci sarà sempre. Speriamo che diminuisca in quantità ma non mancherà mai qualcuno che scriverà un commento maligno. La cosa più importante è vivere come se questi commenti non esistessero. Dare valore a queste persone vuole dire dar loro ragione. Se non esistono nella tua mente, non esistono nella tua vita. Non facciamoci mai abbattere dagli haters. Se io mi fossi abbattuta per i tanti commenti di hater che ricevevo all’inizio della mia carriera, mi sarei scoraggiata e non avrei fatto niente di quello che poi ho fatto in questi anni».

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here