CONDIVIDI

Vietato ai minori ridere! Il nuovo e ultimissimo progetto dei fautori della risata interessa soltanto un pubblico di spettatori maggiorenni, meglio se adulti.
La comicità si fonde con la satira e la provocazione grottesca: religione, pornografia, tossicodipendenze, alcolismo sono solo alcune delle tematiche trattate negli sketch de I Satiriasi, il tutto è rigorosamente vietato ai minorenni.

Stand Up Comedy si colora di temi scottanti e piccanti: sette comici innovativi e giovani sono i protagonisti del nuovo programma di Comedy Central che ha inizio, lunedì 9 giugno, alle 23.00 sul canale 124 di Sky.

Il cast comico, che è ideatore del nuovo format già “inaugurato” con successo in molti disco-pub della capitale, arriva finalmente in tv.
Il gruppo composto da Filippo Giardina con Francesco De Carlo, Giorgio Montanini, Saverio Raimondo, Pietro Sparacino, Mauro Fratini e Velia Lalli, ha ideato e realizzato il progetto Satiriasi, completato nel 2009 per l’impegno e la dedizione di Filippo Giardina.
I Satiriasi danno vita alla comicità meno generica suoi matrimoni, sui luoghi comuni, sulle beghe suocere/generi trame tipiche dei programmi di cabaret delle principali reti tv.

Membro fondamentale del gruppo de I Satiriasi è uno dei comici più noti del momento, Giorgio Montanini, protagonista su Rai 3 di Nemico Pubblico Live, dallo stile comedians, con location ambientata in un localino rustico dal caratteristico “corner” in mattoncini rossi di una trafficata strada della Grande Mela, accompagnato dall’asta e dal monologo comico.

I Satiriasi rappresentano la nuova recente tendenza del genere del cabaret e riescono a sfruttare il momento propizio per il successo:si necessita di voglia di ridere unendo magari la comicità tradizionale, eliminando le battute ormai desuete e trite, i tormentoni e i personaggi fotocopia, con la novità del momento. Le premesse per “farsi una bella risata” ci sono, bisogna solo sperare che vengano mantenute!

UN COMMENTO

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here