CONDIVIDI
hacker zuckerberg profilo

Zuckerberg nel mirino degli hacker per le politiche giudicate poco etiche e la violazione della privacy degli utenti.

Ed ecco che arriva una vera e propria sfida che terrà con il fiato sospeso il mondo del coding. Un Hacker Thailandese ha infatti annunciato di vole “punire” Zuckerberg violando la sua pagina Facebook, il tutto in diretta. Chang Chi-yuan, questo il nome del giovane programmatore ha fissato l’attacco per domenica prossima.

Un evento sensazionale che se dovesse riuscire potrebbe avere dei risultati clamorosi. Un evento capace di chiamare un grande clamore mediatico che già si sta concentrando sull’impresa del giovane hacker. L’attacco al profilo di Zuckerberg è previsto per ile 18 ora locale, più o meno a mezzogiorno in Italia, l’attacco dovrebbe essere addirittura trasmesso all’interno di una live.

La notizia è stata diffusa da Bloomberg che ci spiega come il 24enne sia un noto cacciatore di taglie digitale, un hacker che cerca costantemente le vulnerabilità per colpire le grandi compagnie e segnalare poi le falle dei loro sistemi in cambio di denaro.
L’hacking etico è infatti possibile, dato che la stessa Google e Facebook offrono ricompense a chi riesce a trovare delle vulnerabilità nei loro sistemi e a segnalarle debitamente. Questa pratica permette infatti di scoprire le problematiche di sicurezza, per fortuna non di fronte a malintenzionati. Sicuramente meglio di realizzare di avere una falla quando ormai i dati sono stati rubati o i sistemi danneggiati.

Resta da vedere se il giovane riuscirà nella sua missione particolare, che potrebbe dimostrare una enorme vulnerabilità di Facebook oltre che mettere in ulteriore cattiva luce il bersagliato Zuckerberg.

Facebook non se la passa per niente bene negli ultimi tempi, con grandi cali di utenti e disservizi diffusi che hanno reso la navigazione e l’utilizzo della pagine piuttosto frustrante. Chi sa se lo scossone del furto di profilo riuscirà a risvegliare il colosso blu da questo brutto torpore in cui è caduto.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here