CONDIVIDI

La finale della tredicesima edizione del Grande Fratello si apre con l’appello di liberazione per le ragazze nigeriane rapite più di un mese fa; si tratta dello slogan che ha fatto il giro del mondo “Bring back our girls” e che è passato per voci importanti, dalla First Lady Michelle Obama alle star hollywodiane sul red carpet del Festival del Cinema di Cannes.

Alessia Marcuzzi e la produzione del reality show di Canale 5 hanno deciso di ricordare le giovani donne rapite per il loro desiderio di libertà e di conoscenza e così hanno aperto la finale del Grande Fratello 13 con l’appello “Bring back our girls” dallo studio ma anche dalla casa più spiata d’Italia; i concorrenti infatti sono stati informati dell’accaduto e hanno deciso di partecipare all’iniziativa.

La conduttrice sottolinea infatti che malgrado il Grande Fratello sia uno spettacolo di intrattenimento non ci si può dimenticare di ciò che accade di serio ed importante ad di fuori di esso ed è fondamentale fare la propria parte. In prima linea durante l’appello è anche l’opinionista di questa edizione Vladimir Luxuria.

Il Grande Fratello quindi nel suo ruolo leggero e di svago si fa interprete di un messaggio importante che grazie ai suoi ottimi ascolti può arrivare a tantissime persone.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here