CONDIVIDI

Jon Snow è tornato: la bella (e molto anziana) sacerdotessa rossa Melisandre è riuscita a riportare in vita il personaggio più amato della serie “Game of Thrones” e ha riaperto a nuovi scenari che sembravano chiusi dopo la sua improvvisa dipartita nell’ultimo clamoroso episodio della scorsa stagione.

Adesso che il Lord Comandante è di nuovo in vita quali saranno le sue prime mosse? Quello che è certo è che un ruolo fondamentale l’hanno giocato i bruti, in un’alleanza tanto criticata dai suoi confratelli alla Barriera, tanto rivelatasi essenziale e ben studiata dal giovane condottiero. E così in un contesto in cui i numeri sono ribaltati, e i traditori comandati da Sir Alliser Thorne sono passati in netta minoranza, starà proprio a Jon Snow decidere la loro giusta punizione.

Se all’inizio della serie le sue scelte sono sempre state contraddistinte da una purezza e da una bontà d’animo che lo distinguevano da quasi tutti gli altri personaggi, col tempo anche il personaggio interpretato da Kit Harington ha dovuto affilare le unghie e dimostrare di essere abbastanza forte per sopravvivere alla lotta per il Trono di Spade. Così, a meno di sorprese, probabilmente dovrà dare un segnale forte facendo giustiziare chi l’ha pugnalato, magari decidendo di graziarne una parte per non decimare i già pochi Guardiani della Notte. La vendetta insomma ci dovrà essere, ma non è dato sapere come.

Intanto, in un contesto in cui sembra ormai palese che i veri nemici siano rappresentati dagli Estranei, la rinnovata e mai così forte alleanza con i Bruti detterà i tempi delle azioni nel profondo Nord. Gli sceneggiatori anche stavolta sono stati abilissimi a nascondere per bene la trama, ma c’è da scommettere che una volta ritornato, Jon Snow giocherà un ruolo fondamentale fino all’ultimo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here