CONDIVIDI

Archiviato il Festival di Sanremo 2016, Gabriel Garko è già pronto a tornare al suo lavoro di attore. Tra pochi giorni, il 23 febbraio per la precisione (a meno di cambiamenti di programmazione dell’ultimo minuto), su Canale 5 andrà in onda la prima puntata di ‘Non è stato mio figlio’, una fiction in otto episodi targata Ares Film di cui Garko è il protagonista maschile accanto a Stefania Sandrelli.

Nella nuova fiction di Canale 5 – la cui messa in onda è stata rimandata, con ogni probabilità, proprio per la presenza di Garko al Festival – , l’attore interpreta Andrea Veraldi, imprenditore a capo dell’azienda di famiglia. Una famiglia che verrà messa a dura prova da un nemico che trama alle loro spalle, intenzionato a distruggerla: quando la nipote Barbara si suiciderà, sarà proprio Andrea ad essere accusato ingiustamente di essere il colpevole. L’uomo dovrà quindi intraprendere un percorso drammatico per dimostrare a tutti la sua innocenza e salvare i suoi familiari, sostenuto dall’affetto di sua madre, interpretata da Stefania Sandrelli, e dall’amore folle per la bellissima Nunzia Verderame (Adua Del Vesco, fidanzata di Gabriel Garko anche nella realtà).

tu sai chi sono…vero? #nonèstatomiofiglio

Regalaci un sorriso #gabrielgarko #sanremo216aspettando #nonèstatomiofiglio #aresfilm #canale5

Pubblicato da Non è stato mio figlio su Mercoledì 10 febbraio 2016

Sul personaggio di Andrea Velardi, Gabriel Garko ha dichiarato al TG5: “Un nuovo me, molto meno violento. Anzi, assolutamente la violenza in questo film non c’è da parte mia. È un personaggio nuovo, bello e mi è piaciuto interpretarlo: ho dovuto dare delle sfumature diverse”. E sul rapporto con l’attrice Stefania Sandrelli dice: “È una donna splendida con cui nasce un rapporto sul set indipendentemente da quello che c’è nella vita privata. Nasce un rapporto tra i personaggi che s’interpretano. Quindi, è molto bello. Si riesce ad entrare in un’alchimia molto particolare.”

Del cast fanno parte anche Massimiliano Morra, Roberta Giarrusso, Alessandra Barzaghi, Eurora Erguy e Giorgio Lupano. La regia è di Alessio Inturri.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here