CONDIVIDI

Esistono casi in cui il detto “farsi da sé” è più che calzante come quello del giovanissimo (classe 1989) Francesco Matano, da tutti conosciuto semplicemente come Frank. Una carriera nata sul web grazie a un’ottima gestione dei social, che a quanto pare non servono solo a passare il tempo, e a una grande capacità di far divertire la gente.

Un sito ufficiale quello di Frank Matano tra i più semplici e scarni sul web che semplicemente rimanda ai suoi vari canali social Facebook, Twitter, You Tube (nato come LaMenteContorta) e al sito del programma “Le Iene”, la sua prima esperienza televisiva a soli vent’anni, sui quali è possibile trovare qualsiasi tipo di sketch.

Un successo social davvero fuori dal comune tanto che sul suo canale You Tube, nato nel 2007, sul quale viene postato almeno un divertente video al mese ha ottenuto finora quasi 110 milioni di visualizzazioni. Le pagine sui vari social network non sono certo da meno: su Facebook ha più di due milioni di “mi piace” mentre su Twitter quasi 150 mila followers.

Un personaggio che non passa certamente inosservato tanto che viene chiamato in vari programmi televisivi prima a condurre “Sky Scherzando?” poi a intervistare i bimbi canterini di “Ti Lascio Una Canzone”. Il salto di qualità e la “fama” arrivano però nel 2013 con la partecipazione al film d’esordio da regista di Paolo Ruffini “Fuga di Cervelli” che però, malgrado il buon successo di pubblico, ha ricevuto una netta stroncatura dalla critica.

Ecco alcuni video dal canale di Frank Matano dove è possibile trovarne tra i più disparati; il primo è un esempio di Vine Compilation ovvero dei mini video da Facebook.

Ma ci sono anche improbabili situazioni di “flatulenze” in pubblico, al parco, sui politici, da Babbo Natale.

Numerosa è la serie di divertentissimi scherzi telefonici, con l’aiuto di qualche personaggio famoso, come in questo caso con Francesco Facchinetti.

Tra i più divertenti gli sketch appartenenti alla serie “Oh ma l’hai visto” in cui Frank raccoglie video delle situazioni più strane nel mondo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here