CONDIVIDI
Debito pubblico 2016 Italia in crescita

Il debito pubblico nel 2016 sale di 45 miliardi di euro in più rispetto al 2015. In crescita anche le entrate tributarie a 438 miliardi di euro.

Il debito pubblico in Italia sale nel 2016 a quota 2.217,7 miliardi di euro, ovvero 45 miliardi in più rispetto ai 2.172,7 miliardi di euro registrati nel 2015.

Un dato che risulta inferiore di 38,2 miliardi di euro al livello record di 2.255,9 miliardi di euro registrato lo scorso mese di luglio.

La Banca d’Italia ha sottolineato che la crescita del debito lo scorso anno è dovuto principalmente al fabbisogno delle amministrazioni pubbliche a quota 42,5 miliardi di euro e alla crescita di 7,4 miliardi di euro delle disponibilità liquide del Tesoro.

Per quanto riguarda gli altri settori, il debito consolidato delle amministrazioni centrali è aumentato di 48,6 miliardi a quota 2.128,4 miliardi di euro. In calo il debito delle amministrazioni locali di 3,6 miliardi a quota 89,1 miliardi di euro.

Il debito degli enti di previdenza è rimasto pressoché stabile.

In crescita nel 2016 anche le entrate tributarie pari a 438,57 miliardi di euro rispetto ai 433,43 miliardi di euro registrati nel 2015.

Soltanto nel mese di dicembre, le entrate sono risultate pari a 70,17 miliardi di euro dagli 80,09 miliardi di euro del mese di dicembre 2015.

La Banca d’Italia rende noto che a novembre, il controvalore dei governativi italiani che risultano detenuti da investitori non residenti, era pari a 700,998 miliardi di euro, un dato in rialzo dai 689,970 miliardi di euro del precedente mese.

L’agenzia Reuters ha messo in risalto che la quota dei titoli del debito pubblico italiano attualmente in possesso di investitori esteri è salita al 37,1 per cento del totale a fronte di una quota pari al 36,7 per cento di ottobre.

Per il momento è tutto, ricordate di rimanere sempre in contatto con noi di Blogdicultura per restare sempre informati sulle ultime novità e le notizie di Finanza, Economia, Sport, Salute e tanto altro ancora.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here