CONDIVIDI

Da quanto emerge dall’indagine su Bellomo, il giudice umiliava le allieve che non rispettavano i suoi ordini “anche attraverso la pubblicazione sulla rivista on line della scuola delle loro vicende personali, e minacciandole di ritorsioni sul piano personale e professionale”.

Le controllava giorno e notte sui social intimando inoltre di sposarsi e di essergli fedeli per tutta la durata del “contratto/regolamento” che decideva i loro “doveri“, il “codice di condotta” ed il “dress code” del borsista.

Questi alcuni degli elementi di cui l’ex giudice è accusato.

Il magistrato avrebbe inoltre avuto “rapporti confidenziali e, in alcuni casi, sentimentali” con le allieve, “facendo leva sul rispetto degli obblighi assunti”, avrebbe poi imposto “sistematiche condotte di sopraffazione, controllo, denigrazione ed intimidazione consistite nel controllarne, anche nel timore che intrattenessero relazioni personali con altri uomini, le attività quotidiane, le relazioni personali e in genere le frequentazioni, anche attraverso il monitoraggio dei social network”.

Bellomo avrebbe addirittura costretto le allieve alla “cancellazione di amicizie, di fotografie pubblicate”, “l’obbligo di immediata reperibilità“, il “divieto di avere rapporti con persone con un quoziente intellettivo inferiore ad uno standard da lui insindacabilmente stabilito”.

Il giudice richiedeva poi un abbigliamento di suo gradimento imponendo di “indossare un determinato abbigliamento e di attenersi a determinati canoni di immagine, anche attraverso la pubblicazione sui social network di foto da lui scelte”.

“Qualora il loro comportamento non corrispondesse ai suoi desiderata“, Bellomo le avrebbe “umiliate, offese e denigrate”, minacciando addirittura azioni penali nei loro confronti.

Belluomo avrebbe fatto tutto “per selezionare ed avvicinare le allieve nei confronti delle quali nutriva interesse, anche al fine di esercitare nei loro confronti un potere di controllo personale e sessuale”.

Una vera e propria struttura di plagio e controllo che per fortuna è stata scoperta dalle autorità e che darà inizio a un processo in cui probabilmente emergeranno altre stranezze come quelle descritte dai mass media.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here