CONDIVIDI
Calcio, parla Bonucci: “Coraggioso no infame”

Leonardo Bonucci ha parlato nel corso della conferenza stampa della Nazionale ed ha raccontato della sfida alla Spagna e del suo clamoroso trasferimento al Milan avvenuto nell’estate.

Bonucci nel ritiro di Coverciano ha incontrato i suoi vecchi compagni della Juventus, con cui componeva uno dei migliori pacchetti difensivi al mondo: Buffon, Chiellini e Barzagli.

Un trasferimento visto dai tifosi bianconeri come un tradimento mentre quelli rossoneri sin da subito lo hanno esaltato.

A tal riguardo il difensore della nazionale e del Milan ha dichiarato: ‘La cosa che mi ha più ferito nel mio passaggio al Milan è stato sentirmi etichettare come infame, traditore e mercenario. Tre aggettivi pesanti che non merita chi ha sempre dato tutto dove è stato per 7 anni. La verità è che non sono andato al Milan per soldi, la gente non sa che l’ultimo anno alla Juve ho preso gli stessi, e non ho tradito nessuno visto che ho deciso di lasciare per scelte fatte dalla societaà a suo tempo: c’è stato un momento esatto che mi ha portato a fare certe valutazioni’.

Ora al via la nuova sfida insieme ai rossoneri: “Ho scelto il Milan per il progetto e rimettermi in gioco. Ci volevano coraggio e attributi per prendere questa decisione. Spero di vincere col Milan come ho fatto in passato con la Juve: a me interessa essere ricordato come un vincente’.

Il Milan è comunque ancora dietro alle due favorite per lo scudetto che secondo Leonardo Bonucci rimangono la Juventus e il Napoli.

A tal proposito ha dichiarato che ‘la Juve è avanti a tutte per la qualità dei singoli: non era il sottoscritto a fare la differenza, era tutto il gruppo, attaccanti compresi. Mentre il Napoli è favorito per il gioco che esprime’.

Per il momento è tutto, restate sintonizzati con noi per conoscere le ultime notizie di sport, gossip e molto altro ancora.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here