CONDIVIDI
argentina deafult

Dopo la terribile crisi economica del 2001, che mi se in ginocchio il paese, l’Argentina torna oggi a temere il Default, una situazione che potrebbe riportare tutto al principio e mettere in seria difficoltà la vita degli abitanti che vivono una crisi economica praticamente infinita da quasi vent’anni. La terza economia del Sud-America ha avviato una discussione col Fondo Monetario Internazionale per chiedere un aiuto economico in grado di arginare la costante svalutazione della sua moneta.

“In maniera preventiva, ho deciso di avviare delle discussioni con l’Fmi per una possibile linea di sostegno finanziario”, ha spiegato il presidente argentino Mauricio Macri. In carica dal 2015, Macri, confermando poi come:”I colloqui sono iniziati con l’intento di lavorare insieme per rafforzare l’economia dell’Argentina e proseguiranno rapidamente”. Secondo alcune indiscrezioni, la richiesta dell’Argentina di aggirerebbe intorno ai 30 miliardi di dollari.

Il paese soffre di una incredibile inflazione, con il peso della moneta che in un solo mese ha perso il 10% forzando le banche a portare i tassi di interesse addirittura al 40%, livello più alto registrato al mondo.

Il piano è quello di spingere gli argentini a investire il loro denaro anziché acquistare dollaro per proteggersi dal rischio default. Allo stesso tempo le banche sono state obbligate a rimettere sul mercato una parte delle loro riserve di dollari, circa 2 miliardi.

Al momento le agenzie di rating non hanno ancora modificato il valore del paese, ci troviamo però di fronte a una crisi senza precedenti che, se non gestita nel modo giusto, potrebbe riportare l’Argentina in quella situazione disastrosa, dalla quale, solo recentemente aveva iniziato a rialzarsi in piedi.

La speranza va tutta al FMI, che come noto, difficilmente pensa prima alla vita dei cittadini che al denaro e agli interessi internazionali. Un eventuale nuovo crollo, potrebbe portare un grosso scossone finanziario e trascinare con sé anche altre realtà economiche tra Sud- America e mondo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here