CONDIVIDI

Lo scorso maggio al Festival di Cannes è stato presentato un documentario, diretto da Asif Kapadia, che raccontava la dolorosa vita di Amy Winehouse e la sua prematura scomparsa, avvenuta nel 2011. Il film, intitolato “Amy“, ha fatto parecchio discutere e, inoltre, ha fatto arrabbiare la famiglia della cantante, che non ha trovato veritiero il documentario e il modo in cui sono stati narrati alcuni fatti. In particolare, il più risentito è sembrato essere il padre di Amy Winehouse, Mitch Winehouse, che, insieme all’ex fidanzato della figlia, Reg Traviss, ha iniziato a lavorare su un ambizioso progetto: creare un nuovo film sulla vita di Amy Winehouse.

Mitch Winehouse e Reg Traviss hanno in programma di realizzare un film in forte contrasto con il documentario di Asif Kapadia, accusato di aver tralasciato particolari importanti per capire i motivi che hanno spinto Amy Winehouse a lasciarsi andare, ma anche di aver commesso diversi errori di narrazione. Infatti, durante un’intervista Mitch Winehouse ha dichiarato alla rete televisiva ITV: “Diremo la verità su Amy, cosa che non ha fatto Kapadia“. Ed ha poi continuato: “Non è vero che abbiamo lasciato Amy per la sua strada negli ultimi tre anni della sua esistenza. Lo ritengo un insulto a tutta la famiglia“.

In particolare, il padre di Amy Winehouse è rimasto sconvolto da come il documentario “Amy” abbia presentato la figura di Blake Fielder-Civil, l’ex marito della cantante londinese. A proposito di questo, tempo fa Mitch Winehouse aveva commentato duramente il docu-film e, riferendosi all’ex marito di Amy Winehouse, aveva dichiarato al Sun: “Mi accusa di essere il primo responsabile per la morte di Amy, quando è stato lui a iniziarla all’uso di crack ed eroina“.

Amy Winehouse con il padre Mitch
Amy Winehouse con il padre Mitch

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here