CONDIVIDI

Deborah Iurato è sicuramente una delle concorrenti più lodevoli del talent di Amici 13. Certamente quest’anno sono tante le voci da temere e con le quali battersi per raggiungere la vetta, ma la giovanissima siciliana, così come lei stessa ha asserito, non si farà intimidire, e questo grazie alla forza di quel piccolo grande amore che da sempre l’ha accompagnata in 21 anni di vita: ovviamente stiamo parlando della passione per la “musica“.

Individuata in una rosa di circa 20 concorrenti quale papabile vincitrice del programma di Maria de Filippi, cerchiamo di capire adesso chi è Deborah e cosa l’ha spinta a fare questa esperienza.

21 anni, ragusana, Deborah canta da circa 16 anni. Da sempre ha cercato di contribuire all’economia familiare (prima di Amici svolgeva infatti diversi lavori cantando ai matrimoni e facendo la commessa in un ipermercato-gastronomia). E’ una ragazza solare e piena di vita, non tollera l’ipocrisia e l’insensibilità della gente.

Deborah però è anche una ragazza che ha paura. In un’intervista rilasciata al settimanale Visto dichiara: “Per me il canto è uno sfogo, io vivo di musica”. Come un luogo in cui confinarsi la giovane siciliana dice di cercare conforto nella musica. Probabilmente il futuro è la cosa che più la spaventa, ma questo stato d’animo, condiviso con la maggior parte dei giovani d’oggi, non fermerà il suo più grande sogno ossia quello di cantare all’Arena di Verona e fare un CD.

E se la paura di un futuro incerto non la intimorisce più, figuriamoci se l’egoismo di un ex fidanzato potrebbe tapparle le ali. Deborah dice:”Quando ho conosciuto il mio ragazzo attuale stavo con un altro, ma lui non voleva che cantassi, per cui l’ho lasciato“.

Ma Danilo Deodato è diverso, la ama per quella che è e soprattutto la sostiene: “Io ho fiducia in lui e lui in me“, ha raccontato la cantante ragusana al giornale.

Chissà se la giovane siciliana riuscirà coronare il suo sogno d’amore? Aspettando il serale del 19 aprile, noi intanto glielo auguriamo, sia nella vita che nella carriera lavorativa.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here