CONDIVIDI

Bisogna ammetterlo: recarsi al concerto del proprio artista preferito e assistere ad una sua ‘sbroccata‘ dona all’evento i crismi dell’irripetibilità. Se poi a rendersi protagonisti dei fuori onda durante la performance sono tipi come Zucchero o Fabri Fibra le probabilità che ci sia qualche extra rispetto alla semplice scaletta in programma, sono più alte.

Passiamole in rassegna, dunque, le dieci risse (sfiorate o avvenute) da ricordare nella storia dell musica, rock e non solo.

Fabri Fibra

Si sa, il carattere di Fabrizio Tarducci non è mai stato facile. Se poi siete ad un suo concerto e gli mostrate in continuazione il dito medio capita anche che Fibra vi prenda a parolacce. E in quel caso ve la sareste cercata.

‘Rat’ (Discharge)

Un altro da non fare assolutamente arrabbiare è Anthony Rat Martin, frontman dello storico gruppo britannico Discharge. Se gli dovesse arrivare una bottigliata in piena esibizione non si farebbe certo problemi a punire per direttissima il colpevole.

Banco del Mutuo Soccorso

É poi la volta di Francesco Di Giacomo. Il compianto leader dei banco del mutuo soccorso interrompe un concerto della band per rivolgere parole di biasimo nei confronti di un principio di rissa.

Billy Joel

C’è spazio anche per Billy Joel che nel 1987 nell’ex URSS esegue Sometimes a fantasy spaccando un microfono, una chitarra e mollando qualche calcio senza sbagliare una singola nota. Chapeau.

Zucchero

Immancabile Sugar nella lista delle memorabili sbroccate da concerto. Nella storia, oltre agli insulti ai ricconi, rimane anche “quel baraccone, quel lavandino, quella bagascia che sta mandando l’sms”.

Michael Jackson/Slash

Provate a fermare Slash quando parte con uno dei suoi interminabili assoli. Non ce la fareste neanche se foste Michael Jackson in persona. Jacko, dal canto suo, non prese benissimo quel virtuosismo inaspettato dell’ex partner di Axl Rose.

Notorious B.I.G.

E a proposito di partner, il tastierista di Notorious B.I.G., DJ Kap, rischiò la vita per una bottigliata lanciata dal rapper poi deceduto nel 1997. Colpevole, Kap, di non essere sul pezzo.

Brian Molko (Placebo)

All’alba del 2000 capita pure che Brian Molko, leader dei Placebo, al termine dell’esibizione a Sanremo come ospite spacchi degli strumenti a caso e vada a sfidare a muso duro il pubblico dell’Ariston. Così, gusto per.

Gianluca Grignani

http://www.youtube.com/watch?v=1SOb2yhU9CI

L’imbarazzo di Omar Pedrini per la performance dell’amico Grignani, ideale spalla per un concerto, è secondo solo allo stato molesto di Gianluca quella sera.

Elio e le Storie Tese

Si conclude con una perla dei diabolici Elio e le Storie Tese, una finta rissa scatenata dalle tendenziose domande di due attori in una puntata del 105 Night Express del 1998. Con tanto di Mengoni vestito da pugile e Tamara Donà che si presta al gioco.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here