CONDIVIDI

Va in onda stasera, alle 21:10 su Sky Cinema 1, Youth – La Giovinezza, film del 2015 con cui Paolo Sorrentino ha cercato di bissare il successo de La grande bellezza, premiato l’anno prima con l’Oscar.

L’opera, una co-produzione tra Italia, Francia, Svizzera e Regno Unito (Indigo Films, Pathé e Medusa), racconta di Fred Ballinger (Michael Caine), un direttore d’orchestra ritiratosi in un hotel extra-lusso sulle Alpi svizzere, insieme alla figlia Lena (Rachel Weisz) e all’amico regista Mick Boyle (Harvey Keitel). La quiete di Fred viene turbata dalla visita di un emissario della regina d’Inghilterra, che gli chiede di dirigere un concerto in occasione del compleanno del principe Filippo, con la richiesta esplicita di eseguire una delle Canzoni Semplici che lo avevano reso celebre. Questa postilla provoca il netto rifiuto di Ballinger e l’inizio di un percorso di riflessione, sulla sua vita e sulla giovinezza andata, che coinvolgerà anche la figlia e l’amico Mick.

Youth, costato circa 12 milioni di dollari, ne ha incassati globalmente 22.495. La canzone che fa da leitmotiv allo svolgimento del film, Simple Song n. 3, è stata composta da David Lang ed è stata nominata alla scorsa edizione degli Oscar come miglior canzone originale. A livello internazionale, la pellicola ha ricevuto tre premi agli ultimi European Film Awards (film, regia e a Michael Caine come attore), mentre in Italia ha raccolto tre Nastri d’argento (film, fotografia e montaggio) e ben quattordici nomination per i David di Donatello, in programma il prossimo 18 aprile.

Youth - La Giovinezza, curiosità e dietro le quinte del film di Sorrentino

Youth – La Giovinezza è stato girato sul versante orientale delle Alpi svizzere: più nello specifico, una scena è stata girata nella stazione di Wiesen. L’hotel in cui si svolge il film è ubicato tra St. Moritz e Davos. Qui vi sveliamo qualcosa di più sui luoghi del film.

Non solo Caine e Keitel: Youth è dominato da mostri sacri over 75 e, poco prima del finale, assistiamo a un dialogo di livello sublime tra Mick Boyle (Keitel) e l’attrice sul viale del tramonto Brenda Morel, interpretata da Jane Fonda. Che ha accettato il ruolo su consiglio dell’amico Al Pacino, che considerava la parte scritta apposta per lei. Il fatto che Sorrentino abbia richiesto e ottenuto la partecipazione della Fonda (membro degli straordinari ragazzi del ’37, con Nicholson, Redford, Hoffman e Beatty) la dice lunga, tra le altre cose, sulla volontà di riflettere sul rapporto tra passato e presente, giovinezza e vecchiaia, come il titolo del film suggerisce sin da subito.

Youth - La Giovinezza, curiosità e dietro le quinte del film di Sorrentino@._V1__SX1474_SY692_

Altre presenze degne di nota, oltre a quella del sublime Paul Dano (nel ruolo dell’attore impegnato Jimmy Tree), sono quelle di Madalina Ghenea, valletta a Sanremo 2016, che si mostra come mamma l’ha fatta, e dell’argentino Roly Serrano, sosia di Diego Armando Maradona. Nella scena in cui palleggia col piede sinistro con una pallina da tennis, Serrano non si è servito da alcuna controfigura. Nel ruolo della moglie di Serrano/Maradona troviamo invece la siciliana Loredana Cannata.

Nel cast, interpretando loro stessi, figurano anche cantanti come Paloma Faith e Mark Kozelek (Sun Kil Moon) e il soprano Sumi Jo.

[Ph. Credits: Luca Bigazzi]

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here