CONDIVIDI

Si sa, a volte le polemiche fanno rumore ancor più dei talenti. Ed è proprio quello che sta accadendo da ieri quando il canale Youtube ufficiale di The Voice of Italy ha lanciato l’anteprima di una blind audition: Chiara fisico minuto, capelli cortissimi, al pianoforte canta Le cose in comune di Daniele Silvestri, ricorda molto Arisa nel look e nella voce: riceverà il consenso di tre coach ma il rocker Pelù non schiaccia il pulsante rosso.
L’anteprima si chiude con Francesco Facchinetti che indicando l’artista dice: “lo sapevo che suonava lei, lo sapevo che suonava lei!”.

Ma lei chi è? Lei è Chiara Dello Iacovo e noi di Blog di Cultura scommettiamo che l’anteprima della sua blind sia stata lanciata proprio perchè le polemiche avrebbero acceso l’interesse.

In effetti, i fan del talent show di Rai Due sanno che il premio per il vincitore consiste in un contratto con la casa discografica Universal: peccato però che Chiara abbia già un contratto con la Universal firmato.

Infatti, a novembre dello scorso anno, durante la finalissima del Tour Music Fest, festival internazionale della musica emergente, con una giuria presieduta da Mogol e con le partnership di MTV New Generation, Universal Music, Eko, Rusty Records e altri ancora, la 19enne Chiara si è aggiudicata il Premio Tour Music Fest 2014 (insieme al premio Rusty Records e al primo posto nei Premi Best di categoria Song Writer), che consiste in un contratto con la Universal Music, ovvero produzione e distribuzione discografica del brano Scatola di sole, con cui ha vinto il festival.

Anche 1° maggio e Soldatino, altri due brani della giovane cantautrice sono già diventati video e sono disponibili su yYoutube.
Nessuno ha polemizzato su Chiara Iezzi, la ex bionda del duo Paola e Chiara, finita nel team Ax dopo la prima puntata delle blind audition: anche lei d’altronde ha già vinto il Festival di Sanremo, fa l’attrice, ha una carriera già avviata ed è in cerca di una nuova chance.

Ma su Chiara Dello Iacovo i commenti sui social sono già infuocati: “Perchè una che ha firmato un contratto con la Universal a novembre ora si presenta a The Voice of Italy dove il premio è lo stesso?”.

Probabilmente, azzardiamo noi, la visibilità regalata dai talent show televisivi, non riesci ad ottenerla da nessun festival per quanto internazionale, chi vince The voice of Italy firma il contratto con la Universal ma intanto tutti quelli che partecipano godono di visibilità e popolarità.

Resta un dubbio, e lo scopriremo domani sera durante la terza puntata: “quale team avrà scelto Chiara? Forse i Mazinga?”.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here